The Mermaid Chair, Sue Monk Kidd

1
978
thumbnail

“In the middle of my marriage, when I was above all Hugh’s wife and Dee’s mother, one of those unambiguous women with no desire to disturb the universe, I fell in love with a Benedictine monk.
It happened during the winter and spring of 1998, though I’m only now, a year later, ready to speak of it. They say you can bear anything if you can tell a story about it.
My name is Jessie Sullivan. I stand at the bow of a ferry, looking across Bull’s Bay toward Egret Island, a tiny barrier island off the coas of South Carolina where I grew up. I see it almost a mile out in the water, a small curve of russet and green.” (…)
(…)”I marvel at how good I was before I met him, how I lived molded to the smallest space possible, my days the size of little beads that passed without passion through my fingers.”

About The Book

Inside the church of a Benedictine monastery on Egret Island, just off the coast of South Carolina, resides a beautiful and mysterious chair ornately carved with mermaids and dedicated to a saint who, legend claims, was a mermaid before her conversion.
When Jessie is summoned home to the island to cope with her eccentric mother’s seemingly inexplicable act of violence, she is living a conventional life with her husband, Hugh, a life “molded to the smallest space possible”. Jessie loves Hugh, but once there, she find herself drawn to Brother Thomas, a monk who is soon to take his final vows. Amid a rich community of unforgettable island women and the exotic beauty of mashlands, tidal creeks, and majestic egrets, Jessie grapple with the tension of desire and the struggle to deny it, with a freedom that feels overwhelmingly right and the immutable force of home and marriage. Is the power of mermaid chair only a myth? Or will it alter the course of Jessie’s life? What transpires will unlock the roots of her mother’s tormented past, but most of all, it will allow Jessie to make a marriage unto herself.

Consigliato perchè…

The Mermaid Chair parla di sentimenti: della colpa che Jessie si addossa quando ripensa alla morte del padre. La rabbia, che prova nei confronti di sua madre, tanto eccentrica quanto pericolosa. La passione che la travolge una volta arrivata sull’isola della sua infanzia e che le fa dimenticare per un momento la sua piatta e poco travolgente vita sentimentale.
Insomma, ammettiamolo: gli elementi per attirare la curiosità dei lettori, soprattutto degli animi più romantici, ci sono tutti. Se poi ci aggiungiamo il mistero della famosa sedia delle sirene che si trova nel monastero…e il fatto che Sue Monk Kydd è la stessa autrice che ha saputo raccontare quella bellissima storia racchiusa in un piccolo capolavoro chiamato La vita segreta delle api…beh, un pochino di curiosità, ve l’ho fatta venire?
Per chi non mastica l’inglese (anche se devo dire che questo romanzo si riesce a leggere scorrevolmente anche nella versione originale) la buona notizia è che abbiamo la traduzione! In italiano lo trovate con il titolo “L’isola degli aironi bianchi” (che in effetti con le sirene non c’azzeccano nulla…), edito da Mondadori.
E se poi vi resta la curiosità di vedere la sedia delle sirene…potete sempre andarvi a cercare la trasposizione cinematografica del libro, protagonista Kim Basinger.
Non mi resta, quindi che augurare a tutti Buona lettura!

THE MERMAID CHAIR, A NOVEL
Author: Sue Monk Kydd
Viking, 2005, 336 pages
ISBN 0670033944

Traduzione italiana
L’ISOLA DEGLI AIRONI BIANCHI
Mondadori, 2006, 290 pag.
ISBN 9788804560203

SHARE

40enne, mamma di una ex Vitellina, moglie di un cuoco provetto. Le mie passioni: lettura e scrittura. E ZeBuk. Fresca Expat in quel di Londra, vago come un bambino in un negozio di giocattoli nei mercatini di libri usati. Forse è questo il Paradiso!

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here