Home Rubriche Ricette Letterarie Ricette letterarie: Gelato al limone – Donna Anna. Una storia guatemalteca, Anna...

Ricette letterarie: Gelato al limone – Donna Anna. Una storia guatemalteca, Anna Borghini, Sandra Landi

thumbnail

Odore di mare e di pizze, risate, gomitate, abbracci… insomma quel fare un po’ sgangherato degli adolescenti. Era una giornata tersa e labile, come i nostri sentimenti: amavamo “volare neicielinifiniti”.
Mi ricordo ancora il sapore di un gelato al limone che mi si bloccò in gola appena lo vidi. Era proprio lui.
Mi sentii di colpo molto importante: era venuto a cercarmi. Gli avevo detto che sarei andata a Viareggio e lui venne, convinto com’era che Viareggio fosse come San Josè in Guatemala: due case, un molo e tre persone.

Gennaio è il mese del nuovo inizio.
Dell’ordine in casa e della pulizia mentale.
Dei nuovi propositi e delle intenzioni serie per l’anno appena cominciato.
Della disintossicazione dai bagordi delle feste.

E allora – anche se fuori stagione – un bel gelato al limone, che pulisca la bocca dai sapori carichi di Natale e Capodanno, ci vuole proprio, non credete?

Questo poi (soprattutto per me, per una serie di motivi) è un gelato al limone che ci trasporta lontano lontano lontano, col suo sapore semplice, in una realtà che sembra quasi fuori dal mondo e invece è molto più vicina di quello che si possa pensare…

Note sul libro

“Questo libro è la storia di Anna: è insieme un resoconto del vissuto e un’esperienza storica.
Vicende private si intrecciano in una fenomenologia d’eccezione e così è il Guatemala a diventare protagonista: il Guatemala delle foreste e degli indios, dei gerriglieri e delle tante speranze di riscatto dei giovani intellettuali di sinistra che, per queste, perdono la vita” [fonte: seconda di copertina]

La ricetta

Gelato al limone

(con la gelatiera)

Ingredienti
  • 500 ml di latte
  • 130 gr di zucchero
  • 150 ml di succo di limone
  • 2 limoni biologici
  • 1 albume d’uovo
Preparazione
  1. Prelevate la scorza dei due limoni biologici e metteteli in ammollo per 2 ore
  2. Spremete il succo di altri limoni fino ad arrivare a 150 ml, filtratelo e mescolatelo con lo zucchero e poi incorporate il latte.
  3. Tagliate la scorza a striscioline sottilissime e incorporatele al composto. Unite l’albume montato a neve e ponete tutto nella gelatiera, a mantecare per circa 30 – 35 minuti.

(senza gelatiera)

Se non avete la gelatiera invece dovete mettere il composto di scorzette di limone, succo di limone, latte e zucchero in una ciotola e poi in freezer.
  1. Nel frattempo prendete una pentola larga, in cui possa entrare la ciotola che avete messo in freezer, e portatevi a bollore 1 litro di acqua.
  2. Montate a neve ben ferma l’albume.
  3. Mettete la ciotola con il gelato nella pentola, appena il gelato si sarà un po’ sciolto incorporate l’albume con una frusta a mano, mescolate fino a che tutto il gelato diventi di consistenza cremosa, poi mettete di nuovo in freezer per 3 ore, mantecandolo ogni ora con la frusta. Poco prima di servire mettete il gelato nel frullatore in modo da renderlo cremoso e rompere i cristalli di ghiaccio, distribuitelo nelle ciotoline e servitelo ai vostri ospiti.
Accorgimenti
L’albume serve per rendere il gelato più soffice e cremoso.

Ingredienti e preparazione del gelato al limone li abbiamo presi qui, di sicuro ci sono tante diverse varianti che possono essere fatte. Se ne conoscete qualcuna scrivetecela, sarà interessante per tutti! ;)

Se poi avete anche voglia di gustarvi il gelato leggendo questo bellissimo libro, compratelo direttamente da qui, saremmo tutti più felici! ;)

Polepole è Silvia, lettrice affamata e da poco tempo molto selettiva, geometra, architetto, perenne studente della vita. Sono nata nel 1973, in un soleggiato ultimo giorno di aprile, ho un marito e due figli meravigliosi, che riempiono la mia vita di emozioni belle. Passerei l’intera esistenza sui libri, con tazza di cioccolata fumante al seguito, senza distogliere lo sguardo se non per farmi conquistare dalla copertina di un altro libro.

NO COMMENTS

Rispondi