Home Interviste Intervista a Sarah, protagonista di L’Amore è dolce, Valeria Conti

Intervista a Sarah, protagonista di L’Amore è dolce, Valeria Conti

5
thumbnail

L’Amore è dolce, il primo romanzo di Valeria Conti, è stato pubblicato da Edizioni Fantasìa! Le copie stanno andando in stampa e saranno presto ordinabili nelle librerie. Abbiamo quindi mandato Valeria ad intervistare Sarah, la protagonista del suo libro. Ecco cosa è venuto fuori!

Oggi, da scrittrice, mi improvviso giornalista per fare due chiacchiere con Sarah, la protagonista del mio libro “L’amore è dolce”.

Arrivo puntuale all’appuntamento, con il cuore in gola per l’emozione mentre salgo le scale che conducono al suo minuscolo appartamento, poco fuori Bayguard.
E’ normale che io sia un po’ emozionata: in fondo, è la prima volta che incontro la mia eroina, di cui mi sono limitata a narrare e vicende sopra un foglio di carta bianca.

Sarah mi apre la porta sorridente come al solito.
“Benvenuta!” Mi abbraccia come se ci conoscessimo da una vita e il ghiaccio è rotto, se mai c’era stato.
Mi fa accomodare nel suo salottino bianco e azzurro, che non ho mai visto dal vivo eppure trovo così familiare, ed affondo tra i morbidi cuscini turchesi del divano.
Quasi rischio di pestare Pelotto, il suo gatto, che si è perfettamente mimetizzato con l’ambiente e mi guarda con i suoi magnetici occhi gialli mentre si lecca le zampe gommate.
Sarah scoppia in una risata mentre lo sposta senza tanti complimenti da un lato e mi offre una tazza di tè caldo, accompagnato da gustosi frollini alla vaniglia.

“Possiamo cominciare?” Le chiedo, dopo un lungo sorso alla mia bevanda ambrata. Ho tante domande da farle e poco tempo, ahimé, a disposizione!

“Certo, ma prima toglimi una curiosità: Come ti è venuto in mente di scrivere un libro?
Ecco, Sarah è sempre la solita! Mi ha spiazzata completamente. Dovrei essere io a farle qualche domanda ed invece è lei!
“Mmm… diciamo che avevo questa idea da molto tempo, e poi improvvisamente mi sei venuta in mente tu!”
“Sì, ma come sei riuscita a dipanare la storia? Voglio dire, l’avevi già tutta in mente o l’hai elaborata piano piano?
“Se devo essere sincera, cara Sarah, diciamo che i personaggi hanno preso vita da soli… infatti certe volte avrei voluto dare alla storia una svolta diversa, ma tu e gli altri non me lo avete permesso!”

Sarah scoppia ancora a ridere, fingendo un aria contrita e colpevole mentre sbocconcella l’ennesimo biscotto, incurante del fatto che abbia appena cominciato l’ennesima dieta.

“E dimmi un po'” continua, instancabile “Sei emozionata per l’uscita del libro?
“Oh sì!” Non posso fare a meno di esclamare, disturbando per l’ennesima volta Pelotto, che fa un balzo dal divano e scappa via. “Sono emozionatissima! Non potrebbe essere diversamente, no?” Le faccio l’occhiolino. “E tu?” Le chiedo.
“Beh, anche io ovviamente. Anche se sono un po’ in ansia…”
“E perché in ansia?” Non posso fare a meno di domandarle.
“Oh, sai… una cosa è essere letta da te, che è come se mi conoscessi da sempre, e una cosa è essere letta da estranei… e se non gli piacessi? E se mi trovassero ridicola? In fondo, in tutto il libro succedono tante situazioni esilaranti per chi legge, ma imbarazzanti per me!” Abbassa gli occhi e appare sinceramente preoccupata.
“Ma che dici! Certi che piacerai a chi ti leggerà! Tu… tu sei fantastica: carina, divertente e mai noiosa!” La rassicuro, prendendole le mani. “E ora vorrei che facessi qualcosa per me. Spiega un po’ ai lettori il senso de “L’amore è dolce” visto attraverso i tuoi occhi.”

“Mmm… carino… ok, ci provo! Questo è un libro fatto per chi ha una vita normale ma ama sognare, per chi adora tutto ciò che è dolce e non ha paura di ingrassare e per chi crede ancora nell’amore, quello vero, quello che va oltre tutte le convenzioni. E, ovviamente, per chi crede fermamente nel potere terapeutico dello shopping mentre fa una passeggiata con la sua migliore amica!”

Mi fa un sorrisetto e continua: “Io sono una ragazza come tante, forse un po’ in carne e perennemente in dieta, ma chi non lo è? Una ragazza troppo preoccupata di non essere all’altezza del mondo che mi circonda per accorgermi, invece, che sono bellissima così come sono. Perché la vera bellezza è negli occhi ti chi ti guarda, e chi ti vuole bene ti guarda dentro, nell’anima. Ecco, questo libro, che a prima vista può apparire frivolo e sdolcinato, serve anche per fare emergere un aspetto importante della vita di oggi, e cioè la continua ed estenuante lotta per essere belle, quando invece si dovrebbe continuare ad essere quelle che si è. Quindi non importa se si ha una taglia 40 o una 44-46 (come nel mio caso ), non importa se la cellulite incombe a mano a mano che arriva l’estate o se si ha un fisico da urlo: l’importante è stare bene con sé stesse. L’importante è scoprire la propria femminilità. Io l’ho scoperta, ma solo alla fine del libro e trovando il mio principe azzurro.”

Ecco, ormai il tempo a nostra disposizione è finito. Io ringrazio la dolce Sarah per il tempo che mi ha dedicato e, mentre mi allontano piano da casa sua, ho la sensazione che presto ci incontreremo di nuovo.

E noi ringraziamo te, Valeria, per averci procurato questa esclusiva intervista!

5 COMMENTS

Leave a Reply