5 Isole Letterarie

2
1690

Il Zeboogle di oggi vi porta alla scoperta di uno dei luoghi principi delle vacanze:
L’isola.

Tropical island

Alzi la mano chi non è andato almeno una volta nella vita in vacanza su un’isola.
Appunto.
E allora cosa c’è di meglio che scoprire questo luogo attraverso i racconti di cinque scrittori del passato?
Ma attenzione:
Non è detto che le isole scelte siano per forza dei luoghi felici (che la narrazione da paura è sempre dietro l’angolo…).

Ma bando alle ciance eccovi la nostra selezione di isole letterarie tutta per voi.
E buon Zeboogle (l’unico, l’originale, quello col bollino) a tutti!!

5 Isole Letterarie

isolamisteriosaverneL’isola Misteriosa, Jules Verne. La Trama: Un ragazzo, un giornalista, un marinaio, un ingegnere, un ex schiavo e perfino un cane. Questa bizzarra compagnia approda su un’isola non ancora toccata dalla civiltà, ricca di risorse naturali, abitata da bestie feroci e dominata da un vulcano in piena attività. Riusciranno i nostri amici a far fronte comune alle avversità e a organizzare la loro vita sulla nuova terra? Età di lettura: da 10 anni. De Agostini I Birilli, 2013, 200 pagine, ISBN 9788841886878

 

 

 

 

 

crusoedefoeRobinson Crusoe, Daniel Defoe. La Trama: Pubblicato nel 1719, “Robinson Crusoe” ottenne fin dal primo apparire un enorme successo, dovuto oltre che alla moda dei racconti di viaggio, alla scrittura semplice ed elegante e al fascino di un eroe che incarna tutte le virtù della classe media inglese e diventa icona dello sviluppo cosiddetto civile. Nel suo rapporto con il “selvaggio” Venerdì, di cui è padrone e precettore, l’astuto Robinson prefigura così il colonialismo britannico. E la sua solitudine di naufrago si fa scelta, conseguenza inevitabile del dominio, oltre che allegoria della condizione esistenziale dell’uomo. Mondadori Oscar, 2012, ISBN 9788804617167

 

 

 

 

diecipiccoliindianichristieDieci Piccoli Indiani, Agatha Christie. La Trama: Dieci persone estranee l’una all’altra sono state invitate a soggiornare in una splendida villa a Nigger Island senza sapere il nome del generoso ospite. Eppure, chi per curiosita, chi per bisogno, chi per opportunita, tutti hanno accettato l’invito. Per gli ospiti intrappolati e l’inizio di un interminabile incubo… Mondadori Oscar, 2002, 182 pagine, ISBN 9788804507598

 

 

 

 

 

 

isolaarturomoranteL’isola di Arturo, Elsa Morante. La Trama: Il romanzo è un’esplorazione attenta della prima realtà verso le sorgenti non inquinate della vita. L’isola nativa rappresenta una felice reclusione originaria e, insieme, la tentazione delle terre ignote. L’isola, dunque, è il punto di una scelta e a tale scelta finale, attraverso le varie prove necessarie, si prepara qui, nella sua isola, l’eroe ragazzo-Arturo. E’ una scelta rischiosa perché non si dà uscita dall’isola senza la traversata del mare materno; come dire il passaggio dalla preistoria infantile verso la storia e la coscienza. Einaudi, 2005, ISBN 9788806175047

 

 

 

 

 

signoremoschegoldingIl signore delle mosche, William Golding. La Trama: Un gruppo di ragazzi inglesi, sopravvissuti a un incidente aereo, resta abbandonato a se stesso su un’isola deserta e si trasforma in una terribile tribù di selvaggi sanguinari dai macabri riti. Golding nel 1983 ha ottenuto il Nobel per la letteratura. Oscar Mondadori, 2001, 250 pagine, ISBN 9788804492467

 

 

 

 

 

 

SHARE

40enne, mamma di una ex Vitellina, moglie di un cuoco provetto. Le mie passioni: lettura e scrittura. E ZeBuk. Fresca Expat in quel di Londra, vago come un bambino in un negozio di giocattoli nei mercatini di libri usati. Forse è questo il Paradiso!

2 COMMENTS

  1. Posso suggerire “L’isola di Selkirk”di Diana Souhami?
    Alexander Selkirk fu un marinaio scozzese che venne abbandonato per quattro anni e quattro mesi sulla futura isola deserta di Robinson Crusoe. La sua sopravvivenza ispirò il romanzo di Daniel Defoe, intitolato appunto Robinson Crusoe.(WIkipedia)
    Io l’ho letto ed e` molto interessante, una lettura scorrevole, sorprendente, utile (per chi e` curioso come me) perche` permette di entrare nel VERO mondo dei pirati ed avventurieri. E` una sorta di documentario corredato anche da alcune fotografie scattate sull’isola dalla scrittrice che vi ha vissuto un breve periodo alla ricerca delle tracce del marinaio Selkirk.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here