Home Rubriche Ricette Letterarie Ricette letterarie: Pollo fritto di Claritha, La parte più tenera Ruth Reichl

Ricette letterarie: Pollo fritto di Claritha, La parte più tenera Ruth Reichl

thumbnail

“E ora” disse, “ci sono tre cose che voglio dirti prima di andarmene. La prima è non permettere mai agli altri di dirti come devi vivere la tua vita. La seconda è che devi dipendere solo da te stessa.” Ripensai ai suoi tre figli nella loro grande limousine.
“E la terza?” domandai.
“Non dimenticare mai di fare un po’ di pasta in più quando cucini il filetto in crosta.”

Il cibo, si sa, cura. E non solo il corpo, ma anche e soprattutto l’anima. Bisogno primario di sostentamento e sopravvivenza, intorno al cibo ruotano anche le dinamiche delle nostre relazioni, compresa quella con noi stessi. Quanto amiamo, quanta cura ci prendiamo dell’altro, la maggior parte dei nostri legami passano attraverso quello che ci viene dato da mangiare…

E questo Ruth Reichl lo sa benissimo e anche la sua storia familiare si intreccia costantemente col cibo, alla continua ricerca di equilibrio e stabilità, in un racconto estremamente godibile e leggero, in cui si alternano vicende ed episodi della sua vita, prima di diventare la famosa critica gastronomica che è oggi, a ricette tanto golose quanto ricche di passione per la cucina.

“La parte più tenera” ci ricorda che il cibo avvicina e può anche allontanare, ma che è sempre e comunque un’esperienza fortissima, che coinvolge ogni senso e riesce a parlare al cuore, più di qualunque altra cosa al mondo.

Grazie ancora una volta a Gabri, la nostra cuoca letteraria preferita!
Lo staff di Zebuk.

“Osservando le persone mangiare si può scoprire chi sono…”

Note sul libro

index

Ruth Reichl è la critica culinaria più famosa in America. È naturale, quindi, che le sue descrizioni di piatti e sapori siano incantevoli. Ma nel suo libro c’è molto di più, perché Ruth ha un appetito speciale anche per la vita e perché, come dice, “osservando le persone mangiare si poteva scoprire chi erano”. Ci parla della sua infanzia, e di sua madre, racconta i suoi primi passi in cucina con la signora Peavey, la domestica dal passato aristocratico, e con Alice, la cuoca caraibica che nei momenti difficili cucina le sue fantastiche mele al forno con salsa dura. Ma è a casa di un ricco buongustaio francese, che Ruth capisce per la prima volta cosa significhi davvero mangiare.
Personaggi dipinti con affetto e ironia, storie autentiche e toccanti, illuminate da un umorismo contagioso: è difficile resistere all’umanità che rende unico questo libro, e quando si finisce di leggerlo si sente un po’ la mancanza di Ruth e dei suoi amici. [Fonte : amazon.it]

Pollo fritto di Claritha

IMG_201510297_083751

Ingredienti per 4 persone

  • 1 Kg-1 Kg e 300 gr di pollo tagliato a pezzi
  • Sale grosso
  • ¾ di litro di yogurt
  • 2 cipolle tagliate a fette sottili
  • 120 gr di farina
  • 3 cucchiaini di sale
  • ½ cucchiaino di pepe
  • 120 gr di margarina
  • 50 gr di burro

Preparazione

  1. Mettete i pezzi di pollo in una terrina e copriteli di sale grosso. Lasciate riposare per due ore (io li ho tenuti in frigo).
  2. Togliete il pollo dal sale, lavatelo bene e passatelo in un contenitore con lo yogurt e le cipolle affettate.
  3. Copritelo e mettetelo in frigorifero per tutta la notte. Riunite farina, sale e pepe in un sacchetto di carta e agitatelo per mescolarli bene. Scolate il pollo un pezzo alla volta e mettetelo nel sacchetto. Agitate di nuovo il sacchetto, per infarinare il pezzo di pollo, che poi adagerete su un foglio di carta oleata. Ripetete l’operazione fino a che non avrete infarinato tutto il pollo.
  4. Lasciatelo così per una mezz’ora ad asciugare e intiepidire a temperatura ambiente. Fate sciogliere a fuoco alto la margarina e il burro in una grande padella, unite i pezzi di pollo e coprite. Abbassate il fuoco e fate cuocere per 10 minuti. Girate il pollo e cuocetelo scoperto altri 8-10 minuti.
  5. Per verificare che sia ben cotto, pungete un pezzo di coscia: il liquido che vedrete uscire deve essere incolore.

La parte più tenera
Ruth Reichl
Ponte delle Grazie, 2013, p. 333, €. 13,60

Per acquistare:

NO COMMENTS

Leave a Reply