Nulla si distrugge, Simone Giraudi

0
661
thumbnail

Protocollo di accensione in corso
Benvenuti nel sistema di memoria della nave d’esplorazione interstellare “Eagle XXIII dell’Unione degli stati d’Occidente
Selezionare un servizio tra quelli proposti
E’ stato selezionato: “Registrazioni video”
Selezionare un file tra quelli proposti
E’ stato selezionato: “Pianeta artificiale – Via Lattea –
Nuovo Braccio Esterno”
Inizio della riproduzione…

In un futuro lontano un droide lascia un messaggio per gli umani.
Quella che dovrebbe essere una breve nota robotica si trasforma in un lungo racconto dove l’affetto e l’abbandono, sentimenti umani, diventano i compagni del droide.
Può una macchina sentire e soffrire? Cosa prova?

Nulla si distrugge è un racconto ambientato tra astronavi ed intelligenze artificiali.
La terra come la conosciamo non esiste più ed anche la razza umana ha visto giorni migliori.
La società robotica presentata dal droide è una società dominata dal lavoro: si produce, si riposa.
Tutto uguale, tutto come prestabilito.
Nessun legame particolare è consentito.
Eppure il droide stabilisce un contatto con un altro robot.
E nel suo animo nasce un sentimento d’affetto molto profondo.
Un droide sa gestire i sentimenti, la gioia e il dolore?

La lettura del racconto è stata piacevole, il gergo tecnico è presente e cala il lettore nella giusta atmosfera.
Avrei preferito però un breve excursus su quest’universo nuovo, sulla vita che vi si conduce: insomma avrei voluto più dettagli.
Per il resto il racconto del droide è abbastanza credibile e il robot che prova sentimenti è un clichè che funziona sempre nel mondo fantasy.
Buona lettura.

Nulla si distrugge
Simone Giraudi
Youcanprint, 2015, p. 62, €. 6,63

Per acquistare:

Photo: digilander.libero.it

SHARE

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here