I film di Zebuk: Gli Aristogatti

0
1593
thumbnail

Io so’ Romeo… Er mejo der Colosseo.

Parigi, inizio del novecento.
In un bel quartiere elegante e silenzioso vivono Madame e i suoi gatti.
Duchessa, mamma gatto, bellissima ed elegante dal lungo pelo bianco e i suoi tre micetti: Minou, Bizet e Matisse.
La vita dei gatti si svolge tra deliziosi salotti e pranzetti prelibati cucinati per loro dal fido maggiordomo di Madame, Edgar.
Tutto sembra andare per il meglio quando Edgar, ascoltando di soppiatto una conversazione di Madame, scopre che lei lascerà tutti i suoi averi ai gatti!
Quale disappunto per il maggiordomo: anni di fidato servizio vanificati da quei felini!
Decide allora di far sparire gli amati mici e di portarli lontano in modo che non possano ritrovare la strada di casa.
In una notte buia e tempestosa Edgar li rapisce.
Per fortuna Duchessa e i micetti incontreranno sulla loro strada Romeo, gattone rosso non proprio chic ma dal cuore d’oro, che li aiuterà a tornare da Madame.

gli-aristogatti-una-colorata-immagine-del-cartone-animato-disney-276634

Gli Aristogatti è un film del 1970, ultimo film approvato da Walt Disney prima della sua morte.
Ebbe un enorme successo internazionale grazie alla storia e all’incredibile colonna sonora che a colpi di jazz trascina lo spettatore dai salotti bene alla campagna e alla periferia di Parigi.
Nell’edizione italiana il gatto Romeo è doppiato da Renzo Montagnani che dà vita ad un gattone romano simpaticissimo e sempre con la battuta pronta.
Indimenticabili anche tutti i personaggi secondari: dalle comiche sorelle oche al loro zio sempre sbronzo fino ai gatti randagi e al povero Edgar a cui non ne va bene una!

Un film delizioso dove ci si diverte e dove tra le altre cose si racconta la bella storia d’amore tra Duchessa e Romeo all’apparenza così diversi eppure capaci di innamorarsi.
Perchè l’amore arriva quando meno te l’aspetti e non è detto che abbia l’aspetto patinato di un gattone raffinato.
E forse è meglio così.
Buona visione.

Photo : movieplayer.it

SHARE

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here