I film di Zebuk: Lo chiamavano Jeeg Robot

0
1428
thumbnail

Enzo: “Io non so’ amico de nessuno”.
Alessia: “E invece tu devi esse’ amico di tutti!”

Enzo è un ladruncolo nemmeno troppo bravo.
Vive di espedienti e di piccoli lavoretti sporchi.
Un giorno per sfuggire ad un inseguimento della polizia si tuffa nel Tevere.
Si sa che il fiume romano non è esattamente la quintessenza dell’acqua pura ed Enzo finisce addirittura in un contenitore di materiale radioattivo.
Dopo pochi giorni il ladruncolo si ritroverà con una forza sovrumana che userà prontamente per se stesso: scardinando un bancomat e assaltando un portavalori. Che vi aspettavate? Sempre un ladro è!

Sarà Alessia, fragile vicina di casa, a far capire al ragazzo che deve usare il suo dono per aiutare il prossimo.
Deve essere come Jeeg Robot, aiutare l’umanità, altrimenti a che gli serve essere un supereroe?
Intorno ad Enzo ed Alessia c’è la periferia romana, le torri di Tor Bella Monaca e un piccolo boss che vuole fare il botto e diventare il padrone di Roma anche a costo di uccidere tutti quelli che gli si oppongono.

Lo chiamavano Jeeg Robot è stato il caso cinematografico del 2016 e ha stravinto agli ultimi David di Donatello.
Gabriele Mainetti dirige degli attori eccezionali, su tutti Claudio Santamaria e l’incredibile Luca Marinelli, un cattivo di quelli indimenticabili, in un film straordinario e innovativo per il panorama italiano.

Lo chiamavano Jeeg Robot mescola la commedia e il dramma al filone dei supereroi rimanendo credibile e anche se gli effetti speciali non sono al livello dei film americani rimane un buon prodotto.
Stupefacente, di grande intrattenimento, Jeeg Robot mette in scena la trasformazione di Enzo da ladro a supereroe e la sua presa di coscienza che esiste un mondo dove aiutare gli altri è meglio che fregarsene.

Io ho visto questo film 2 volte e lo rivedrei ancora perchè diverte, emoziona e per due ore ti trascina in una storia bellissima.
Vedetelo, vedetelo, vedetelo!

Photo : cinemaeveryeye.it

SHARE

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here