Home Rubriche ZeBuk Reading List – Gennaio 2017

ZeBuk Reading List – Gennaio 2017

thumbnail

Leggo, per quanto è possibile, soltanto ciò di cui ho fame, nel momento in cui ne ho fame, e allora non leggo: mi nutro. (Simone Weil)

Come facciamo da un anno a questa parte, è il momento di scoprire le letture del mese: gennaio 2017 è stato molto prolifico e devo ammettere che ho fatto bellissime scoperte proprio là dove non mi sarei aspettata di farne.
Come avrete letto, quest’anno lo staff di ZeBuk ha fatto una nuova proposta per la ZeBuk Reading List: libertà piena e uno stampabile da completare e personalizzare a vostro piacere (lo trovate qui, se ve lo siete perso).
Io a gennaio l’ho compilato così:

Ma veniamo a noi e alle letture dello staff:

Angela

I miei libri di gennaio 2017

  1. Il mio viaggio più bello nel mondo, Giulia Dell’Uomo
  2. 10 e lode, Sveva Casati Modignani
  3. A cosa servono i desideri, Fabio Volo
  4. Il cortile, Enzo Messina
  5. Il club della via lattea, Bart Moeyaert
  6. Inviati per caso. Viaggio nell’Italia delle religioni, Lia Tagliacozzo
  7. E solo una storia d’amore, Anna Premoli
  8. Mio fratello è uscito dall’autismo, Gianni Papa

La citazione preferita

“…Arrivato all’imbocco della tangenziale decise di fare la città, era Domenica mattina e non avrebbe trovato traffico. Da poco si era affacciata l’alba su piazzale Corvetto, ripensò a Tony e a tutta quella vicenda, abbassò il finestrino e cominciò a respirare…”

Nicoletta

I miei libri di gennaio 2017

  1. Notti in bianco, baci a colazione, Matteo Bussola
  2. Ritrovarti, Véronique Olmi
  3. Chiedimi quello che vuoi, Megan Maxwell

La citazione preferita

.. non è vera quella storia che raccogli quel che semini. Seminare non serve a nulla se non predisponi anche un impianto di irrigazione, tieni lontani i parassiti, levi le erbacce, metti dei sostegni fino a quando le piante non saranno abbastanza forti per reggersi da sole.
Se non sei lì a tirarle su quando il vento le ha piegate a terra.
Vale per qualunque tipo di amore, ma io l’ho capito davvero solo così.
Non si raccoglie quel che si semina e basta, non è vero niente. Raccogliamo solo ciò di cui ci prendiamo cura, sempre.

polepole

I miei libri di gennaio 2017

  1. Hygge. Il metodo danese dei piaceri quotidiani, Louisa Thomson
  2. Il giardino di Amelia, Marcela Serrano
  3. La bellezza dell’asino, Pia Pera
  4. L’arte di essere fragili. Come Leopardi può salvarti la vita, Alessandro D’Avenia
  5. Nelle terre estreme, Jon Krakauer
  6. Agrodolce, Luana Troncanetti
  7. Occhio a Marta!, Daniela Valente

La citazione preferita

No all’autocompatimento, ribadisce tra sé Miguel Flores, e decide di farne la prima regola per superare quella strana fase della vita cui l’hanno costretto suo malgrado. Decide di ispezionare i dintorni, osservare tutto perbene e conoscere i luoghi in cui si muove.

 

 

Polepole è Silvia, lettrice affamata e da poco tempo molto selettiva, geometra, architetto, perenne studente della vita. Sono nata nel 1973, in un soleggiato ultimo giorno di aprile, ho un marito e due figli meravigliosi, che riempiono la mia vita di emozioni belle. Passerei l’intera esistenza sui libri, con tazza di cioccolata fumante al seguito, senza distogliere lo sguardo se non per farmi conquistare dalla copertina di un altro libro.

SIMILAR ARTICLES

NO COMMENTS

Leave a Reply