Leggere, che sport! Il grande giorno della mia prima partita, Darwin Pastorin

0
303
thumbnail

L’allenatore Marzio Severi strinse ancora di più la mascella. Era il suo modo di esprimere nervosismo, tensione e profonda rabbia. Tecnico di poche parole, faceva capire i propri sentimenti dalla mascella, che aveva sporgente e flessibile. La squadra, una famosa squadra della Serie A italiana, dopo un buon avvio di campionato, stava collezionando sconfitte: ben quattro nelle ultime quattro partite, e critiche da parte del presidente, Francesco Sognatore (un riccone che amava quel giocattolino lasciatoli in eredità dal padre ) e, soprattutto, dai tifosi.

Mauro Severi è l’allenatore di una non ben definita squadra di Serie A.
Alla vigilia della partita con il Genoa decide di rivoluzionare la squadra. Dal portiere fino all’attaccante.
Ma c’è stupore nei giocatori quando sceglie come attaccante il giovane Michele Santoni.

Michele Santoni era un ragazzino di diciotto anni, titolare della formazione Primavera, che ogni tanto veniva aggregato alla prima squadra per fare esperienza ma, soprattutto, numero. Tra i giovani era un portento.

Lo stupore si legge nelle facce di tutti, compreso Michele.
La sera prima della partita ovviamente il ragazzo non riesce a dormire e così, con la scusa di un massaggio portafortuna, il vecchio massaggiatore Manon gli racconta i debutti dei campioni, da Buffon a Messi, da Totti a Maldini, passando per Ibrahimovic, Pato e Ballottelli.
E non mancano ovviamente aneddoti di campioni senza età, come Pelé e Maradona.
Storie e aneddoti di prime partite memorabili.

Una lettura breve per i ragazzini amanti del calcio, con illustrazioni a corredo che danno sicuramente un valore aggiunto al libro.

Il grande giorno della mia prima partita
Darwin Pastorin
Gallucci, 2009, 75 pag., € 8.90

SHARE

Classe 1983 anni, romagnola, mamma di due splendidi bambini e di una stella nel cielo.
Programmatrice, lettrice e multitasking (o almeno ci si prova!)
Mi piace la lettura da sempre, ho voluto una libreria ampia e spaziosa nella casa nuova, che accogliesse tutti i miei libri.
A natale, stufo dei libri accatastati ovunque, mio marito mi ha comprato un ereader.
Ed è stata la fine…..

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here