Il vento, Alessandro Riccioni, Simone Rea

0
296
thumbnail

Una mattina d’inverno si alzò il vento. Si alzò di cattivo umore. Di più, di pessimo umore. L’azzurro del cielo, sgombro di nuvole, lo irritò così tanto che decise di sfogare tutta la sua rabbia.

Inizia così una giornata di confusione.

In questo albo edito da Il Leone Verde, troviamo un vento personificato in un personaggio bizzarro, che una mattina si sveglia di malumore.
Sale allora su una collina e, prendendo più fiato che, soffia sulla città urlando come un pazzo. Gli abitanti della città proprio non sanno cosa fare… ci dovrà pur essere un modo per calmarlo?

Nessuno riuscì a salvare il cappello. Si vedevano cappelli di ogni foggia e colore volare dappertutto.

La furia però, come succede sempre, si calma finché il vento, soddisfatto riprende fiato seduto in riva al mare. Ma anche lì trova la forza per un ultimo dispetto.

Una storia ventosa, che scompiglia persone e pensieri e anche le parole del racconto, che volano come i cappelli delle persone. Una storia adatta ai bambini dai 5 anni in su. I miei figli lo hanno ascoltato ridendo e soffiando! Un libro che parla sì di vento, ma soprattutto della rabbia, che quando arriva, cieca e caotica, sconbussola tutto.

Vorrei elogiare anche le illustrazioni, fatte con le matite colorate, cosa assai rara di questi tempi!

Il vento
Alessandro Riccioni, Simone Rea
Il Leone Verde, 2016, 44 pag., € 15.00

SHARE

Classe 1983 anni, romagnola, mamma di due splendidi bambini e di una stella nel cielo.
Programmatrice, lettrice e multitasking (o almeno ci si prova!)
Mi piace la lettura da sempre, ho voluto una libreria ampia e spaziosa nella casa nuova, che accogliesse tutti i miei libri.
A natale, stufo dei libri accatastati ovunque, mio marito mi ha comprato un ereader.
Ed è stata la fine…..

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here