Due chiacchiere con Anna Brussich

0
685
thumbnail

Oggi su ZeBuk incontriamo Anna Brussich, autrice di Anastasia & Anna.

Ciao Anna, benvenuta su Zebuk. Ci racconti qualcosa di te?
Mi presento, sono una ragazza diciassettenne di Trento. Studio in un istituto tecnico informatica anche se adoro le materie umanistiche. La cosa che amo di più è fare sport, mentre quella che odio di più è perdere tempo. Ho mille hobby tra cui la montagna, la batteria, il teatro, la croce rossa, l’animazione dei bambini, il disegno manga e la lettura. Pratico molti sport individuali come il nuoto e l’arrampicata. Sono una persona sempre impegnata e penso che la mia vita senza impegni non sarebbe la stessa!

Come è nata l’idea di scrivere Anna & Anastasia?
Durante l’estate mi era stato assegnato come compito di scrivere dei temi. Ho deciso così di inventare un unico racconto lungo invece di molti corti. Puntavo ad una storia intrecciata in cui si scopre un particolare nuovo ogni volta che la si rilegge. Una volta stesa la prima parte ho deciso di trasformare il mio libro in un regalo di compleanno per la mia migliore amica: Anastasia.

A chi ti sei ispirata? Chi sono Anna e Anastasia in realtà?
Ho deciso di scrivere una storia fantasiosa simile al cartone “La città incantata”. Anna e Anastasia nella realtà sono, come già detto, due migliori amiche completamente diverse fra loro mentre nel libro diventano la stessa persona che crescendo cambia e migliora!

Un libro arricchito da disegni fatti da te, un’altra tua passione?
Il disegno manga è una passione nata come una sfida. La stessa Anastasia anni fa mi aveva detto che non avrei potuto saper disegnare, in quanto tutte le mie altre attività sono frenetiche mentre il disegno richiede concentrazione. Ecco che ho deciso di impegnarmi in una nuova attività che inizialmente vedevo come un un percorso che sarebbe nato per morire. Invece due anni dopo ho deciso che proprio per lei avrei potuto inserirli nel mio racconto!

Sei giovanissima, come ti vedi tra 10 anni?
La mia vita è un continuo cambiamento e rispondere ad una domanda sul mio futuro mi risulta molto complicato. Penso che dopo la scuola superiore continuerò con un’università. Mi piacerebbe diventare un’insegnante elementare ma per ora teniamolo come progetto!

Che progetti hai per il futuro? C’è un altro libro in cantiere?
Il mio progetto per il futuro è quello di rimanere una ragazza semplice e ultra impegnata! Per tutto il resto ho un grande punto di domanda. Il sequel del mio libro è ancora un’idea che si potrebbe concretizzare nel caso di successo del primo. Il finale di “Anastasia & Anna” è rimasto comunque aperto e la possibilità di un nuovo inizio non è esclusa!

La domanda di rito di ZeBuk: dimmi il tuo libro preferito e quello che hai al momento sul comodino.
Il mio libro preferito è il “codice Da Vinci” di Dan Brown mentre il libro che ho ora sul comodino è “Una presenza in quella casa” di Paige McKenzie

Grazie ad Anna per la disponibilità!

SHARE

Classe 1983 anni, romagnola, mamma di due splendidi bambini e di una stella nel cielo.
Programmatrice, lettrice e multitasking (o almeno ci si prova!)
Mi piace la lettura da sempre, ho voluto una libreria ampia e spaziosa nella casa nuova, che accogliesse tutti i miei libri.
A natale, stufo dei libri accatastati ovunque, mio marito mi ha comprato un ereader.
Ed è stata la fine…..

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here