Le 7 arti in 7 donne, Chiara Carminati

0
169
thumbnail

«La vita è movimento. La vita è movimento. La vita è movimento» continuavo a ripetermi ritmicamente, mentre scendevo i gradini della metropolitana. Parigi non mi era mai sembrata così bella come quel mattino. L’aria era piena di promesse e avevo l’impressione che tutti gli sguardi dei passanti mi augurassero buona fortuna.»
(dal capitolo dedicato a Alice Guy)

Dopo aver letto Storie della buonanotte per bambine ribelli mi sono lasciata prendere la mano da queste mini biografie, studiate e scritte per invogliare i ragazzi alla lettura, alla storia e per far capire loro quanto entusiasmo, quanta grinta, quanta fiducia in sé ci voglia per arivare a diventare “qualcuno”.
Non perché quell’essere “qualcuno” sia fondamentale, non perché si debba per forza essere tutti famosi, ma perché le persone di cui si racconta hanno seguito i loro istinti, hanno voluto, fortemente voluto e hanno raggiunto il loro obiettivo.
E queste persone, oltretutto, sono donne. Che di solito, anche nella storia, sono le quelle che hanno meno occasioni, meno probabilità, di diventare “qualcuno”.
Stavolta facciamo un salto nelle 7 arti: Architettura, Musica, Pittura, Scultura, Poesia, Danza, Cinema.
Gae Aulenti, Clara Schumann, Artemisia Gentileschi, Camille Claudel, Wislawa Szymborska, Josephine Baker, Alice Guy.
Raccontate in prima persona, nei loro primi anni, nel momento in cui hanno scoperto la passione della loro vita, quella che le avrebbe portate lontano, avendo fiducia nelle proprie capacità e continuando – testarde – lungo la strada che avevano scelto.
Certo, per nessuna di loro è stato facile: ma la passione e la volontà sono state più forti.
E questo conta. Questo è giusto che capiscano, i ragazzi, e non solo loro: c’è sempre tempo, c’è sempre modo, anche da adulti, per inseguire le proprie passioni!

C’è gente che ricorda l’infanzia come il momento in cui ci si meravigliava di tutto. Se è così, allora io ho vissuto l’infanzia all’inverso, a mano a mano che crescevo. Più vivevo più mi stupivo. E non parlo dello stupore per le notizie eclatanti, ma di quello piccolo, quotidiano, quasi impercettibile. Lo stupore che ti prende se fai attenzione alle cose che ti circondano. È impossibile non meravigliarsi del fatto che ogni giorno è diverso dall’altro, che ogni minuto è unico nell’universo.
(dal capitolo dedicato a Wislawa Szymborska)

E che ognuno di noi è unico! E allora credeteci! La vostra vita è lì per farne meraviglia!

età di lettura: dai 10 anni

Le 7 arti in 7 donne
Chiara Carminati
Mondadori (collana I magnifici 7), 2016, pag. 116 € 10,20
ISBN: 978-8804660866

Per acquistare:

SHARE

Polepole è Silvia, lettrice affamata e da poco tempo molto selettiva, geometra, architetto, perenne studente della vita. Sono nata nel 1973, in un soleggiato ultimo giorno di aprile, ho un marito e due figli meravigliosi, che riempiono la mia vita di emozioni belle.
Passerei l’intera esistenza sui libri, con tazza di cioccolata fumante al seguito, senza distogliere lo sguardo se non per farmi conquistare dalla copertina di un altro libro.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here