Augustus, John Williams

0
146
thumbnail

Quando abbiamo conosciuto il potere, senza riuscire a trattenerlo, e rimaniamo in vita….. che ne è di noi?

Ottaviano Augusto regnò dal 27 a.C. al 14 d.C. divenendo il primo imperatore di Roma.
Uomo integerrimo, seppe circondarsi non solo di amici ma di persone utili alla sua politica.
Riuscì a rendere grande Roma prendendo l’eredità di Cesare e trasformando i suoi insegnamenti per garantirsi il potere e le alleanze giuste.

Augustus di John Williams, edito da Fazi, è un romanzo epistolare che parte dall’omicidio di Cesare e arriva fino alla morte di Ottaviano tratteggiando l’ascesa di un uomo razionale, capace, intraprendente che non ha mai rinnegato una scelta seppur dolorosa.
Lo stile è molto bello, scorrevole ed evocativo.
Roma e la società dell’epoca, i suoi esponenti più noti, sono tutti presenti nel romanzo che riesce a far immergere il lettore in un’atmosfera perfetta.
Ed è bello scoprire, prima di iniziare ogni lettera, chi la scrive e a chi sia indirizzata, ed immaginare quei personaggi che hanno accompagnato i nostri anni scolastici muoversi, parlare, lamentarsi, ordire trame come uomini moderni.
Il ritratto che emerge di Ottaviano è proprio quello di uno stratega, o un politico moderno, che stringe alleanze con i suoi nemici, che non ha timore di nessuno, che non si tira indietro davanti a decisioni difficili.
Perché consigliare un romanzo storico oggi?
Perché è scritto bene, è interessante e, descrivendo la Roma di duemila anni fa, parla non solo di ciò che è stato ma anche del mondo contemporaneo.
Buona lettura.

Augustus
John Edward Williams
Fazi Editore, 2017, p. 409, €. 18,00

Per acquistare:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here