Giotto e i misteri di casa Scrovegni, Canzio Dusi

0
328
thumbnail

“Vi presento Giotto di Bondone, il più grande pittore vivente.”
L’artista si girò, rivolgendo al suo nuovo interlocutore un sorriso aperto e gioviale, arrossendo per il complimento, ma senza abbassare lo sguardo fiero e sincero.

Un romanzo (giallo) ambientato nel mondo dell’arte. Una ricostruzione storica fatta con passione e capacità. Un libro che parla di luoghi d’arte, di territori italiani da visitare, di personaggi che hanno segnato inconfondibilmente la storia italiana e mondiale. E un racconto che mi ha catapultato in luoghi già visti, studiati diverse volte durante gli anni di scuola e di università, ma che ha saputo – una volta in più – meravigliarmi usando un mezzo che a me non è mai stato molto vicino, ma che ultimamente lo sta diventando: il mistero.

Giotto e i misteri di casa Scrovegni è un po’ tutto questo, è anche altro. Viaggiare nel tempo, osservare in diretta la creazione di affreschi ricchi di fascino in un modo in parte ipotizzato ma molto molto realistico, vivere i sentimenti e le emozioni di persone che non conosciamo, ascoltare dall’ombra, provare l’angoscia di segreti non detti e rivelazioni impossibili da fare, è stata una bella esperienza, sebbene ogni tanto mi sia in parte persa nel racconto (un po’ per le molte digressioni, un po’ per la mia voglia di confrontare immagini reali e descrizioni nel testo).

Grandezza e miseria, ispirazione e malvagità. Paradiso e Inferno si erano avvicendati durante i lavori di Giotto e dei suoi collaboratori in quel di Padova.

Una prova interessante, questa dell’autore, che nonostante affronti una ricostruzione delicata e complicata, lo fa in modo accurato, miscelando la dovuta attenzione a storiografia, biografia, arte e filosofia al mistero della storia narrata in sottofondo. Una storia di vanità, di crudeltà, di amore e di odio.

Il risultato, nel mio caso, è stato quello di mettermi una gran voglia di tornare nei luoghi dei fatti: Padova, la meravigliosa Cappella degli Scrovegni, le campagne intorno, ma anche i luoghi legati al viaggio di uno dei protagonisti e in modo particolare l’Umbria, culla di San Francesco.
E chissà che da questo spunto non nasca un nuovo LeggendoViaggiando… 😉
Nel frattempo vi auguro una buona lettura con questo libro, che merita la vostra attenzione, soprattutto ma non solo per tutti gli spunti che sa dare!

Giotto e i misteri di casa Scrovegni
Canzio Dusi
Lettere Animate (collana Lettere Animate), 2017, pag. 284, € 11,90
ISBN: 978-8871120133

Per acquistare:

SHARE

Polepole è Silvia, lettrice affamata e da poco tempo molto selettiva, geometra, architetto, perenne studente della vita. Sono nata nel 1973, in un soleggiato ultimo giorno di aprile, ho un marito e due figli meravigliosi, che riempiono la mia vita di emozioni belle.
Passerei l’intera esistenza sui libri, con tazza di cioccolata fumante al seguito, senza distogliere lo sguardo se non per farmi conquistare dalla copertina di un altro libro.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here