L’estate dei giochi spezzati, Antonio Hill

0
131
thumbnail

Ho sei anni, sono al campo estivo e non riesco a dormire perché ho paura. No, non è vero. Quella notte mi comportai da coraggioso: disobbedii alle regole e affrontai il buio soltanto per vedere Iris. ma la trovai annegata. Galleggiava in piscina, circondata da una corte di bambole morte.

L’ispettore Salgado l’ha combinata davvero grossa.
Ha picchiato un personaggio chiave durante un’indagine importantissima sulla tratta di giovani ragazze africane rovinando di fatto tutto il lavoro della squadra investigativa.
Di conseguenza i superiori l’hanno messo in ferie forzate per un mese e Salgado ne ha approfittato per tornare in Argentina dai suoi amici.
Rientrato a Barcellona viene messo a lavorare sul caso di Marc Castells, morto cadendo dalla finestra di casa durante una notte estiva.
Unici testimoni i due amici con cui stava passando la serata.
La polizia archivia la morte del ragazzo come un incidente ma la madre non crede a questa eventualità e chiede un’ndagine più approfondita.
Salgado si troverà invischiato in una caso delicato che ha radici nel passato doloroso di Marc.

L’estate dei giochi spezzati è il primo romanzo di Antonio Hill.
Il romanzo cattura il lettore sin da subito rivelando una trama non banale e ben strutturata.
Il personaggio di Salgado, quarantenne affascinante diviso tra l’Argentina, dove è cresciuto, e Barcellona dove vive, fa subito breccia nel cuore del lettore.
Non conoscevo questo autore e sono rimasta piacevolmente colpita da questa sua opera.
Sicuramente leggerò altro.
Buona lettura.

L’estate dei giochi spezzati
Antonio Hill
Mondadori, 2012, p. 330, €. 11,00

Per acquistare:

SHARE

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here