Il petalo cremisi e il bianco, Michel Faber

0
158
thumbnail

Attento. Tieni la testa a posto: ti servirà. La città in cui ti conduco è vasta e intricata, e tu non ci sei mai stato prima. Puoi immaginare, da altre storie che hai letto, di conoscerla bene, ma quelle storie ti hanno illuso, accogliendoti come un amico, trattandoti come se fossi uno del posto. La verità è che tu sei un alieno, in tutto e per tutto, arrivato da un altro tempo e da un altro luogo.

Londra intorno al 1870 è una città divisa in due.
Da una parte c’è il Circus ed Oxford Street, le strade del centro ricche di negozi ed uffici, dove le signore passeggiano chiuse nelle crinoline e nei busti soffocanti, dove i giardini sono affollati di uccelli, piccioni da sfamare e bambini con le tate.
E poi c’è la Londra dei bassifondi, delle stradine lerce di escrementi, piene di ladruncoli, truffatori e prostitute, dove i bordelli sono talmente tanti che è impossibile tenerli tutti a mente ed ogni mese viene pubblicato un giornale che indica le prostitute più ricercate e i loro prezzi.
Sugar ha diciannove anni e si prostituisce da sei, da quando la madre, tenutaria di un bordello, l’ha indirizzata alla professione.
La ragazza è una delle prostitute più ricercate della città: è bella, non si tira indietro davanti a nessuna richiesta dei clienti, ed in più fa una cosa che nessun altra prostituta fa: parla con i suoi clienti.
Perché Sugar è intelligente, legge e scrive.
Una sera la ragazza conosce William Rackham, unico erede delle Profumerie Rackham.
Sposato con Agnes, che mostra seri segni di pazzia, William è alla ricerca di distrazioni.
Sugar gli farà letteralmente perdere la testa tanto che Rackham la comprerà dal bordello. Si rivela non solo la perfetta compagna di letto ma anche colei a cui chiedere consigli.
Tutto sembra sorridere a Sugar ma niente dura per sempre.

Il petalo cremisi e il bianco è il romanzo più famoso di Michel Faber.
Scritto nell’arco di vent’anni è un poderoso affresco storico della Londra vittoriana.
La mole del libro è ragguardevole, poco più di ottocento pagine, ma la scrittura scorre talmente bene che è impossibile annoiarsi.
Londra e la vita di quel periodo è descritta in modo talmente veritiero che sembra davvero di essere là.
Certo la vicenda di una prostituta che dal bordello arriva addirittura nella casa padronale potrebbe suonare un po’ estrema ma d’altronde questo è un romanzo e quindi un’opera di fantasia.
I personaggi principali sono tutti ben descritti in ogni aspetto: nessuno è buono ma tutti sono dotati ampiamente di pregi e difetti.
Londra, che può essere annoverata come uno dei grandi protagonisti di questo romanzo, è una città tremenda dove bellezza e orrore convivono e dove le regole sociali impediscono di vivere liberamente.

La BBC nel 2011 ha tratto uno sceneggiato in quattro puntate dal romanzo con Romola Garai come protagonista.

Il petalo cremisi e il bianco
Michel Faber
Einaudi, 2014, p. 800, €. 17,00

Per acquistare:

Photo : telegraph.co.uk

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here