Il compito di un gatto di strada, Margherita Oggero

0
111
thumbnail

“E’ a leggere i libri che poi si diventa indecisi?” (Ruggine)

“cosa mi lega a questa città? Nulla ormai. Forse viaggiando riuscirò a dare un senso alla mia esistenza, ad autofondarmi, a uscire dal cupio dissolvi che mi attanaglia” (Odradek)

 

Rossana è diventata una gatta “condominiale” dopo una vita vissuta in strada ora vive in un cortile torinese con i suoi cuccioli.

Scombussola le sue giornate, Ramon, un gatto molto bello e amante delle gattine, padre assente che una mattina prima di partire le confida di essere il discendente di Cheshire, lo stregatto di “Alice nel paese delle meraviglie” che ha il potere di diventare invisibile.

Rossana sceglie l’erede per portare a termine il compito del padre.

Il prescelto è Ruggine, un gatto rosso, quello che sembra il meno sveglio della cucciolata e che contro la sua volontà parte per il Nord diretto in Inghilterra.

Nel suo viaggio incontra Odradek, un rocchetto di filo, personaggio di un racconto di Kafta che diventerà suo compagno di viaggio. Insieme iniziano a girare tutte le biblioteche perché Ruggine vuole imparare a leggere e a scrivere.

Una favola moderna sul valore dell’amicizia, un’amicizia sincera, che non si pone mai domande, che non ha dubbi, che sa mettersi in gioco, una lettura piacevole adatta a tutti. Una storia dove la diversità aiuta a crescere.

Buona lettura!

Il compito di un gatto di strada
Margherita Oggero
Einaudi, 2009, p. 131, € 12,00

Puoi acquistarlo qui:

SHARE
Classe 1972, mamma di due adolescenti, moglie, assistente personale del direttore di una casa editrice, segretaria di una scuola di musica, amante dei libri e della musica.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here