Novecento, Alessandro Baricco

“Non si capisce. E’ una di quelle cose che è meglio che non ci pensi, se no ci esci matto. Quando cade un quadro. Quando ti svegli un mattino, e non la ami più. Quando apri un giornale e leggi che è scoppiata una guerra. Quando vedi un treno e pensi io devo andarmene di qui. Quando ti guardi allo specchio e ti accorgi che sei vecchio. Quando, in mezzo all’Oceano, Novecento alzò lo sguardo dal piatto e mi disse: “A New York, fra tre giorni, io scenderò da questa nave”. … A un quadro mica puoi chiedere niente!”

Note sul libro

Novecento è un monologo  teatrale  di Alessandro Baricco pubblicato da Feltrinelli nel 1994. Baricco lo scrisse per essere interpretato da Eugenio Allegri e con la regia di Gabriele Vacis. Questi ne fecero uno spettacolo nel luglio dello stesso anno che debuttò al festival di Asti. Secondo l’autore il testo può essere definito come una via di mezzo tra “una vera messa in scena e un racconto da leggere ad alta voce“.
(fonte: Wikipedia)

E’ un librino piccolino, veloce, ma che non riesci a posare finché non l’hai finito!

Classe 1983 anni, romagnola, mamma di due splendidi bambini e di una stella nel cielo. Programmatrice, lettrice e multitasking (o almeno ci si prova!) Mi piace la lettura da sempre, ho voluto una libreria ampia e spaziosa nella casa nuova, che accogliesse tutti i miei libri. A natale, stufo dei libri accatastati ovunque, mio marito mi ha comprato un ereader. Ed è stata la fine…..

4 COMMENTS

  1. è vero, il film segue fedelmente i dialoghi del monologo teatrale. Bellissimo il libro, bravissimo il regista.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here