L’ombra del vento, Carlos Ruiz Zafon

Ricordo ancora il mattino in cui mio padre mi fece conoscere il Cimitero dei Libri Dimenticati. Erano le prime giornate dell’estate del 1945 e noi passeggiavamo per le strade di una Barcellona prigioniera di un cielo grigiastro e di un sole color rame che inondava di un calore umido la rambla de Santa Mónica.
«Daniel, quello che vedrai oggi non devi raccontarlo a nessuno» disse mio padre. «Neppure al tuo amico Tomás. A nessuno.»
«Neanche alla mamma?» domandai sottovoce.
Mio padre sospirò, offrendomi il sorriso dolente che lo seguiva sempre come un’ombra.
«Ma certo» rispose mesto. «Per lei non abbiamo segreti.»

La recensione de L’ombra del vento di Carlos Ruiz Zafon

Il giovane protagonista, Daniel Sempere, vive col padre libraio a Barcellona. Il giorno del suo undicesimo compleanno, si sveglia all’alba angosciato per il fatto di non ricordare più il volto della madre.
È il 1945.  La stessa mattina, il padre lo porta nel Cimitero dei Libri Dimenticati, una labirintica e gigantesca biblioteca, nella quale vengono conservati migliaia di volumi sottratti all’oblio. Qui lo invita, secondo tradizione, ad adottare uno dei libri e a promettere di averne cura per tutta la vita.
La scelta ricade proprio su L’ombra del vento dello sconosciuto autore Julian Carax. Daniel ne è rapito; legge il libro tutto d’un fiato. Il suo entusiasmo lo porta a cercare altri libri dello stesso autore, ma scopre che quella in suo possesso potrebbe essere l’unica copia sopravvissuta di tutte le opere di Carax.

La mia opinione su L’ombra del vento di Carlos Ruiz Zafon

Questo è il mio personale consiglio di lettura, ovvero il libro che ha cambiato la mia vita… si perchè grazie a L’ombra del vento sono diventata un’accanita lettrice.
Proprio come Daniel, il protagonista, ho letto il libro tutto d’un fiato, faticavo a fermarmi dal leggerlo ed da allora sono attratta dai “libri che parlano di libri”.

Cos’é che rende L’ombra del vento così bello?
Sicuramente la trama, i colpi di scena, dietro ogni pagina si nasconde un segreto, qualcosa che cambierà l’intera prospettiva del racconto.

E poi è una storia sull’importanza dei ricordi, sulla memoria che ci rende immortali e amati per sempre, sul non dimenticare.

Perché finché ricordiamo, amiamo.

Buona lettura.

L’ombra del vento
Carlos Ruiz Zafón
Mondadori, 2008, 439 pag., € 20.00

Mamma, lavoratrice full time, 45 anni, una figlia di 14 e la passione per la lettura ...

13 COMMENTS

  1. Ho letto Marina ed anche se alla fine l’ho trovato un po’ scontato, lo scrittore è riusciuto a far crescere in me il desiderio di terminarlo, anche se nn è il mio genere.
    Leggendo le prime righe di questo libro proposto ho sentito lo stesso desiderio e curiosità. In settimana passarò in libreria ad acquistarlo! Grazie mille!

  2. Ma sapete che ho un amico che ha iniziato a leggere solo dopo aver conosciuto i libri di Zafon? E ora non sta più nel budget, ché ne fa fuori uno alla settimana, di libri… ;-))

    Io invece non lo conosco per niente, questo autore, ma mi rifarò facendomeli prestare tutti, che le mie finanze sono in profondo rosso e le mensole di casa chiedono pietà, cariche come sono di pagine…
    Anche a me ultimamente è arrivato il trip dei “libri che parlano di libri”: da Firmino in poi, è tutta una strada in discesa!

  3. A me l’ombra del vento non è proprio piaciuto: l’ho trovato… scialbino.
    L’argomento poteva essere brillante, e invece mi sembra sfuggente, trattato con superficialità, poco incisivo. Non so, non mi ha proprio convinta.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here