La forma imperfetta delle nuvole, Antonella Zucchini

0

In quelle forme abbozzate, nei contorni accennati che mutavano a ogni movimento del vento, vedevamo tutto questo con i nostri occhi di bambine.
Le guardi ancora le nuvole?
E’ nella loro forma imperfetta che intravedi la perfezione di un mondo.
Un po’ come la vita se ci pensi, che non è sempre perfetta, anzi non lo è quasi mai, ma se la sai guardare dal lato giusto può offrire prospettive inaspettate.
Io lo faccio ora. Perché ora è il momento.

 

Santuzza e Zelmira, due donne apparentemente tanto differenti, ma  accomunate dall’essere ormai anziane e sole, ospiti della dimora per anziani Casa Serena.

Zelmira, altera e stravagante, snobba gli altri ospiti trattandoli con superiorità, la vita le ha dato tanto ma le ha negato anche molto.
Santuzza umile e tranquilla, sembra persa nei suoi ricordi e malinconie.
Sullo sfondo le storie personali dei dipendenti della casa per anziani.

Attraverso i ricordi delle due anziane ripercorriamo la loro storia personale fatta di vita e di dolori, ma anche la storia di un pezzo d’Italia attraverso gli anni bui del Fascismo, storia fatta anche di grandi differenze tra le classi sociali che condannano le due donne a vivere due vite diverse ma non necessariamente l’una migliore dell’altra. Pare che l’unico momento veramente sereno di  entrambe sia stata l’infanzia e in particolare il gioco di guardare la forma imperfetta delle nuvole e perdersi a fantasticare su di essa.

Un romanzo solo apparentemente semplice he fa riflettere su come la storia possa influenzare le vite delle persone. Una serie di personaggi affascinanti e ben delineati.

La forma imperfetta delle nuvole
Antonella Zucchini
Ciesse edizioni, 2018, p. 384, €. 18,30

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here