Otto. Tutti siamo tutti, Roberta Calandra

Ogni storia ha per sua stessa definizione un inizio, o alcuni inizi possibili, poiché la piena verità di un concatenarsi di eventi sfugge di mano anche al suo più attento protagonista.

Ci si perde definitivamente dopo la morte oppure ci si continua a cercare riconoscendosi sempre?

La recensione di Otto.Tutti siamo tutti, Roberta Calandra

Otto è la storia di quattro coppie che sempre si ritrovano attraverso i secoli.
Il primo incontro è nei giorni della rivoluzione francese.
Olympia e Philippe si conoscono per caso ma subito sentono di appartenersi.
Philippe è un uomo ricco dedito all’alchimia, Olympia una donna che lotta affinché la rivoluzione non sia solo degli uomini ma la sue idee rivoluzionarie sulle donne vengono accolte con freddezza e paura dalla gente.

Saltiamo poi avanti in Inghilterra nel 1820 e incontriamo due uomini, un poeta che vive per l’arte e un uomo desideroso di avventure.

Ancora ci ritroviamo nei lager e infine in Italia ai giorni nostri.

Quattro coppie che in realtà sono sempre la stessa che si ritrova e si ama ogni volta con la stessa passione.

La mia opinione su Otto.Tutti siamo tutti, Roberta Calandra

Otto è il nuovo romanzo di Roberta Calandra. Come sottotitolo ha Tutti siamo tutti che ben esprime l’idea di fondo del libro.
Infatti le vicende che attraversano i secoli nel romanzo hanno un filo comune, come ben descrive Giovanni Mastrangelo nella sua prefazione, cioè il risveglio della coscienza femminile che deve diventare parte integrante dell’essenza di uomini e donne.
Olympia per prima mette in luce le contraddizioni di una rivoluzione fatta dagli uomini per gli uomini dove le donne non hanno voce e nemmeno si accorgono di questo.

Il romanzo è tratto dallo spettacolo teatrale omonimo, spettacolo vincitore del “Premio inediti Elsa Morante 2012”.

Otto è un romanzo abbastanza scorrevole, molto ben documentato ad esempio nelle descrizioni della rivoluzione francese.
Scritto con un lessico ricchissimo, il libro è interessante anche se non mi ha convinta del tutto pur rimanendo una storia con un punto di vista narrativo intrigante.
Buona lettura.

Otto. Tutti siamo tutti
Roberta Calandra
Edizioni Croce, 2020, p. 272, €. 18,00

 

Francesca, 44 anni, mi firmo come SIBY su Zebuk. Amo leggere e fin da piccola i libri sono stati miei compagni. Leggo di tutto: classici, manga, thriller, avventura. Unica eccezione Topolino; non me ne vogliate ma non l’ho mai trovato interessante.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here