Home Fantasy e Fantascienza La casa sul mare celeste, T.J. Klune

La casa sul mare celeste, T.J. Klune

“Oh, mannaggia” esclamò Linus Baker, asciugandosi il sudore dalla fronte. “Questo sì che è insolito.”
L’eufemismo del secolo. Ciò che Linus osservava con crescente meraviglia era una ragazzina di undici anni di nome Daisy, impegnata a far levitare dei cubetti di legno. Questi ultimi ruotavano lentamente, formando cerchi concentrici nell’aria.

La recensione di La casa sul mare celeste di T.J. Klune

Linus Baker è un assistente sociale che lavora al Dipartimento della Magia Minorile.
Vive in una casa solitaria, in compagnia di una gatta e della sua amata musica. La sua vita è tranquilla.
Il suo lavoro consiste nell’assicurarsi che i bambini dotati di poteri magici, che vengono cresciuti in appositi istituti, per proteggere quelli “normali”, siano accuditi nel migliore dei modi. Linus è molto scrupoloso in questo.

Un giorno, inaspettatamente, viene convocato dall’ufficio della Suprema Dirigenza perchè è stato scelto per un compito importante e segreto: dovrà recarsi presso l’orfanotrofio dell’isola di Marsyas e capire se la gestione di Arthur Parnassus è idonea e quindi l’orfanotrofio potrà restare aperto.

Così, armato di professionalità e con la sua amata gatta Calliope nel trasportino, Linus arriva nell’isola e si rende subito conto che i sei bambini nella struttura sono davvero diversi da tutto ciò che finora ha incontrato. E a dire il vero anche Arthur Parnassus lo è…

La casa sul mare celeste di T.J. Klune: un inno ad accogliere le diversità

A volte, pensò dentro la casa sul mare celeste, si può scegliere la vita che si vuole. E, se si è abbastanza fortunati, magari quella vita ci sceglie a sua volta.

La casa sul mare celeste è una storia che non ti aspetti.
Ingrana lenta, all’inizio faticavo a entrare totalmente nel mondo di Linus, eppure, da quando lui ha messo piede sull’isola, era come se ci fossi anche io.
T.J. Klune scrive un romanzo fantasy che però si fa leggere anche da chi non ama troppo il genere perchè la realtà è che le creature magiche sono solo un pretesto per parlare di diversità e di come è importante accoglierle e non isolarle.

In sottofondo una crescente ma sempre delicata storia d’amore narrata in maniera sorprendente a voler sottolineare che, come Linus, basta scegliere la vita che si vuole perchè nessuno nasce predestinato.

Buona lettura!

L’autore: T.J. Klune

TJ Klune è un autore americano di fiction fantasy e romantica con personaggi gay e LGBTQ+. Ex liquidatore per una compagnia di assicurazioni, è autore, fra le altre cose, della serie “Green Creek”. Ha vinto il Lambda Literary Award per Into This River I Drown.
In Italia i suoi libri sono stati a lungo pubblicati da Triskell edizioni, tra questi: Dimmi che è vero. A prima vista (2016); La drag queen e il re degli homo pomp (2020); Wolfsong. Il canto del lupo. Green creek. Vol. 1-2 (2020); Le ossa sotto la pelle (2021); Finché non sei arrivato tu (2021).
Nel 2022 La casa sul mare celeste è invece edito da Mondadori.

La casa sul mare celeste
T.J. Klune
Mondadori, 2021, 348 pag., € 18.00

Classe 1983 anni, romagnola, mamma di due splendidi bambini e di una stella nel cielo. Programmatrice, lettrice e multitasking (o almeno ci si prova!) Mi piace la lettura da sempre, ho voluto una libreria ampia e spaziosa nella casa nuova, che accogliesse tutti i miei libri. A natale, stufo dei libri accatastati ovunque, mio marito mi ha comprato un ereader. Ed è stata la fine…..

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Exit mobile version