Mo te lo spiego a papà, Francesco Uccello

0

” E’ inutile negarlo: a volte ci si sente come in Shrek e vissero felici e contenti, quando l’orco esasperato sbotta e chiede di ritornare indietro nel tempo a quando era single.”

 

Finlmente un papà bloggher alle prese con i figli, dopo una schiera di mamme sul web.

Francesco, l’autore lavora come educatore, ha dunque dalla sua parte una buona dose di esperienza nel campo, ma ovviamente con la nascita dei figli le cose cambiano un pò.

E’ sposato con Mps, la moglie Stefania, hanno due figli DA1 e DA2, di quattro e tre anni, molto vivaci e curiosi, e vivono nella periferia napoletana.

Fare il papà per quanto bello possa essere è un “lavoro” a tempo pieno, non ci si riposa mai, neanche quando i figli crescono, anzi aumentano i problemi.

Mps manda i bambini dal papà per soddisfare le loro infinite curiosità, e lui riesce egregiamente nel compito affidatogli dalla moglie, con molta ironia.

Nella maggior parte delle situazioni quotidiane, mi ci sono ritrovata e vi ritroverete anche voi, ma sarete pronti ad affrontarle con uno spirito diverso e con il sorriso sulle labbra.

Francesco ci racconta molti episodi divertenti, situazioni in cui ci siamo ritrovati tutti molte volte, dalla recita di Natale alla domenica all’Ikea, dalla rito della cena al ciuccio, fino ad arrivare a domande più cruciali, come “cos’è il ciclo?” oppure “perchè si muore?”, “cos’è l’adozione?” e lo scontrino fiscale?

 

“Bravissimo. Hai superato un limite. A volte i limiti servono anche per essere superati, cos’ uno cresce. Quando sarai grande un sacco dipersone ti metteranno dei limiti e allora ti sembreranno delle montagne da non poter oltrepassare o un mare così vasto da non poter scoprire. – E cosa devo fare? – Vola, impara a volare perchè se voli non avrai limiti, ma se con me oltrepassi i limiti ti faccio volare io…dalla finestra, amore mio.”

 

Buona lettura.

 

Mo te lo spiego a papà
Francesco Uccello
Tea, 2013, p. 231, € 12,00

 

Per acquistare:

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here