Home Narrativa Italiana

Narrativa Italiana

Cosa farebbe Ivan Drago al mio posto? La recensione di Dalle 9 alle 6 di Davide Staffiero Nel romanzo di Davide Staffiero si parla di ritmi di lavoro massacranti e capi spietati con un'atmosfera claustrofobica quasi da thriller e la legge del più forte a farla da padrone. Il protagonista è Alex...
Gli animali bianchi sono diversi dagli altri, hanno un’anomalia nei loro geni, una mancanza che rende loro faticoso adattarsi alle abitudini e alle regole condivise. La recensione di Animali bianchi di Cristina Caloni Animali bianchi è un romanzo, suddiviso in episodi, definito caleidoscopico, attuale e inclusivo. Tutti ghi episodi girano attorno a...
Le isole dei sogni impossibili, Riccardo Bottazzo
L'isola è il luogo in cui ogni ipotesi è possibile. Il grande mare azzurro, che spazia davanti al tuo sguardo, racchiude tutti i segreti e i misteri della terra. Ma sotto i tuoi piedi c'è un universo delimitato, completo, razionale. Un universo tutto tuo, dove ogni sogno è una...
Il mio noi, Veronica Squeglia
Sembra così strano essere qui dove tutto ebbe inizio. Aspetto che l'ascensore arrivi al piano terra e mi conduca al mio reparto. Quando le porte grigie lentamente si aprono, vedo la mia immagine riflessa nello specchio. Per un attimo ti rivedo al mio fianco, percepisco la tua presenza, sento l’odore della tua...
“Ho bisogno di un uomo abile come nessun altro, capace di portare a termine incarichi spesso al di fuori della legalità, agendo all’oscuro del mondo ma sotto la mia protezione occulta. Dovrai ubbidire solo a me, qualunque cosa ti comandi, e giurarmi fedeltà assoluta. (…)" Un thriller storico capace di...
Il cuore è un organo, Francesca Michielin
A ventidue anni mi sono resa conto che ciò che mi rende più triste sono i pini marittimi. E l'ho scoperto in un pomeriggio afoso, appena prima di accorgermi che la vita stava inciampando tra le smagliature del destino. La recensione di Il cuore è un organo di Francesca Michielin Veridiana è...
Eri molto brava e mi divertivo a guardarti condividendo le loro risate. Era la prima cosa allegra alla quale assistevo in una Varese che mi aveva accolto con la pioggia che sembrava non voler mai smettere e la freddezza congenita degli abitanti. Ti accorgesti che mi divertivo e,dopo averlo...
Era morto mio padre, Aurelio Soriano, che ironizzava frequentemente - fin troppo - sul proprio nome. Si fingeva a volte, tra sarcasmo e vanità, un narratore sudamericano, anzi argentino, al quale avevano rubato la vertigine degli orizzonti delle pampas. La recensione di La solitudine della verità di Pier Mario Fasanotti La...
Ho preso tempo, anzi ho provato a fermarlo, ma si è spostato solo un po’, anche se esserci riuscito mi ha reso orgoglioso. La felicità può essere la somma di piccoli istanti di leggero sollievo. La recensione di Nottambuli a cena, Otello Marcacci Provo a raccontare l'effetto che mi ha fatto...
Cate si lavò le mani nel tinello, le strofinò con sapone e paglietta, salendo fino al gomito, insistendo sotto le unghie. Erano pulite, eppure non riusciva a smettere. Lei tornava a casa, le donne che aiutava restavano confinate nel carnaio che lentamente le masticava.Sarebbe stato così anche con la...
Anni fa conobbi uno scrittore e la sua compagna. Per diverso tempo la mia storia si intrecciò alla loro e le loro divennero la mia. Il racconto che segue è la storia di quegli anni. La recensione di Gli ultimi americani di Arianna Farinelli A New York si intrecciano le vite...
"La prima ninnananna, per Elsa, era stata intonata dagli uccellini e dagli altri animali della giungla. Poi, si piedi di un bellissimo albero di ficus tinctoria, la neonata aveva ricevuto gli omaggi, i saluti, le occhiate di tutte le altre componenti della famiglia." Una storia di natura, di macachi e...
Erano i giorni in cui ti eri messo nei guai perché avevi rivelato ai tuoi amici di aver visto un impiccato nel Bosch Negher. Nessuno ti credette ma io si ricordi? Gli uomini e le donne di Fodòm temevano che con quella visione stavi  attirando nuove sciagure  sulla comunità....
“Sono nata in mezzo al Tevere, sulla barca-vongola di pietra tra le due anse che abbracciano l’isola Tiberina: la testa rivolta ad Ovest, verso il tramonto quasi invernale di Fiumicino” La recensione di Stradario aggiornato di tutti i miei baci, Daniela Ranieri Una donna in dialogo attraverso un diario con le...
Il cuore di Iolanda, da quel giorno lontano in cui il professore le avvio la mente sulla strada dei millenni, aprendola allo stupore di una vita che ora palpitava nella sua testa, passava al filtro della ragione ogni sua emozione, per cui sentiva in un modo diverso quelle tensioni...

Gli articoli più letti nell'ultima settimana