Home Narrativa Straniera

Narrativa Straniera

Il cavaliere d'inverno, Paullina Simons
La luce del mattino entrò dalla finestra e inondò l'intera stanza. Tatiana Metanova dormiva il sonno dell'innocenza, della gioia irrequieta, delle calde notti bianche di Leningrado, del giugno profumato di gelsomino. Ebbra di vita, dormiva il sonno dell'intrepida giovinezza. La recensione di Il cavaliere d'inverno di Paullina Simons Leningrado, 1941. Tatiana e Dasha...
Tutte le detenute si rifiutavano di chiamare il loro alloggio "baracca speciale". Anche se Ada aveva trovato una definizione più consona -"all'inferno"- si misero d'accordo sul nome Trentasette, il numero assegnato dall'amministrazione. All'arrivo -quando erano ancora donne- a ognuna di loro era stato assegnato un numero di sei cifre. Venne...
Hana aveva sedici anni e non conosceva altro che l'occupazione. La recensione di Figlie del mare di Mary Lynn Bracht Hana vive con la sua famiglia in Corea, sull'isola di Jeju. Ha sedici anni ed è una haenyeo cioè una donna del mare. Il suo lavoro è nuotare e raccogliere ciò...
"Nacqui quando ancora non esisteva nome per ciò che ero. Mi chiamarono ninfa, presumendo che sarei stata come mia madre, le zie e le migliaia di cugine. Ultime fra le dee minori, i nostri poteri erano così modesti da garantirci a malapena l’immortalità." La recensione di Circe, Madeline Miller “Ma forse...
  “Allora, cos’hai visto?” Ecco la domanda che tutti continuano a farmi, ancora oggi, anche se ho lasciato il lavoro da Hexa sedici mesi fa. Insistono e, se la mia risposta non è all’altezza delle aspettative - troppo vaga, non abbastanza scioccante -, ci riprovano con parole leggermente diverse.” La recensione...
Guardi nel passato come attraverso un telescopio, ma questo mente. Alcune cose si fanno più vicine, come se fossero accadute solo qualche ora prima, altre si perdono nella boscaglia degli anni. E se poi, attraverso il telescopio, guardi te stesso, ritorni quello che eri, ti rivesti della tua vecchia...
Quando ebbero costruito i loro bivacchi, il sole era scomparso sotto l'orizzonte già da diverso tempo, e scie di stelle brillavano su di loro. Un coro di cicale mormorava e ronzava, in contrappunto al chiacchiericcio delle donne. Sdraiata con la schiena sull'erba e la spada al suo fianco, Ippolita...
Si alza lentamente. Un solo gesto brusco e il bambino si sveglierà, pretenderà di nuovo che resti lì. "Vicino, vicino" reclama quando la sente allontanarsi. A lungo, quella sera, ha tenuto una mano sul pigiamino caldo, aspettando che il corpo del bambino si rilassasse e si abbandonasse al sonno....
Noi il problema lo vedevamo eccome, anche se non potrei dire con sicurezza che questo ci rendesse migliori di loro: si era creato un varco tra la vita agiata che conducevamo e i nostri doveri nei confronti della società, e fu in quel varco che Miss Shepherd (nel suo...
Charlotte rise di nuovo, asciugandosi le lacrime con un tovagliolino. Poi guardarono insieme fuori dalla finestra, dove i venti umidi di febbraio soffiavano come un'armata di streghe sul piccolo cortile. La recensione di Oh my darling, Clementine di Amity Gaige Il matrimonio può rappresentare una sfida, forse la più grande di...
Furono dei mostri a creare Medusa, ma lei non era nata da essi. La recensione di Il segreto di Medusa di Hannah Lynn Di Medusa tutti sappiamo che tramutava le persone in pietra e che fu uccisa da Perseo. Siamo cresciuti con l'idea che fosse malvagia fin nel midollo e che...
“Tu non capisci, io ho fede nella mia scrittura, ne ho molta; un giorno io arriverò in cima e sarà questo a costringere il mondo ad accettarmi per ciò che sono. È una questione di tempo, ma ho intenzione di riuscire, per il bene di Mary.” Il pozzo della solitudine...
"Avete mandato a chiamare il vostro erede? Ma il vostro erede è mio zio Matthew, nonno...non è forse così?" domandò il giovane Richmond. "No," rispose lord Darracott. "E allora chi è, signore?" "Il figlio di una tessitrice!" esclamò sua signoria con la voce che tremava di disgusto. La recensione di L'erede misterioso di...
“Una donna sa molto bene, che un uomo di spirito può mandarle i suoi versi, lodare i suoi giudizi, sollecitare le sue critiche e bere il suo tè, ma questo non significa in alcun modo che egli rispetti le di lei opinioni, ammiri la sua intelligenza, e rinunci, poiché...
La notte è profonda, gelida sul parco. Alberi molto antichi, che hanno appena perso le foglie, sembrano supplicare il cielo con una richiesta indecifrabile eppure vitale per la vegetazione. Un gruppo di trans fa la solita ronda. Camminano protette dalla boscaglia. Sembrano parte di uno stesso organismo, cellule di...

Gli articoli più letti nell'ultima settimana