I film di Zebuk: The Danish Girl

1
1136
thumbnail

D’ora in poi ti chiameremo Lili.

Negli anni venti Copenaghen è una città vivace dove essere un artista è un lavoro interessante e ben retribuito.
Einar Wegener è un paesaggista molto apprezzato.
Sua moglie Gerda preferisce fare ritratti invece anche se la critica pur apprezzando le sue opere non la reputa un’ artista particolarmente interessante.
Einer e Gerda sono sposati da qualche anno.
Timido e riservato lui, vivace e piena di vita lei.
Un giorno Gerda chiede ad Einer di aiutarla indossando calze e scarpe femminili: Gerda deve completare un quadro ma la modella non è disponibile.
Einer si presta ben volentieri al gioco rimanendo di fatto molto turbato dalla sua immagine in abiti femminili, soprattutto si chiede come mai si senta così a suo agio in quella veste.
Ben presto l’uomo preferisce apparire come Lili, il nome scelto per il suo alter ego femminile, piuttosto che come Einer.
In poco tempo Einer maturerà la decisione di vivere come Lili e deciderà di tentare delle operazioni per cambiare sesso.

The danish girl è un film del 2015 per la regia di Tom Hooper cone Eddie Redmayne nei panni di Einer/Lili e Alicia Vikander in quelli di Gerda; l’attrice è stata premiata con l’Oscar come miglior attrice non protagonista.

Il film è tratto all’omonimo libro di David Ebershoff ed è una storia vera.

The danish girl è un film intimista che emoziona lo spettatore.
Racconta il coraggio e la disperazione di Einer nel tentare un’operazione rischiosa e nel rifiutare la medicina tradizionale che lo rinchiudeva nella dicitura: schizofrenia e comportamento deviante.
Perchè Einer si sentiva donna a tutti gli effetti ma era intrappolato in un corpo che non gli apparteneva.
La moglie Gerda, pur se con dubbi e paure, lo accompagna in questo viaggio restandogli sempre a fianco.

Certo, è una storia che non lascia indifferenti e che dà molti spunti su cui riflettere.
Soprattutto durante la visione ci si chiede se saremmo capaci di un’accettazione totale se capitasse a noi.

Come diceva Simon de Beauvoir: Donna non si nasce, lo si diventa; ed Einer, grazie alla sua forza e al suo coraggio, è diventato una splendida Lili.
Buona visione.

Ieri notte ho fatto un sogno bellissimo. Ho sognato di essere una bambina nelle braccia di mia madre, lei mi guardava negli occhi e mi chiamava Lili.

Photo : vanityfair.com

SHARE

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here