Il quaderno ungherese, Anne-Marie Garat

    Un romanzo ambientato in Francia sulla soglia dell’inizio della prima guerra mondiale, è un affresco storico di quel periodo in Europa.

    Al centro della storia, una giovane donna, Gabrielle Demachies, di origini ungheresi che, a distanza di 5 anni dall’evento, apprende della morte del fidanzato avvenuta in circostanze misteriose durante un soggiorno lavorativo in Malesia.  Spinta da un ambiguo ufficiale dell’esercito, Gabrielle proverà ad indagare sulla tragica vicenda introducendosi all’interno della prestigiosa famiglia di imprenditori De Galais di cui Pierre, compagno del viaggio del defunto fidanzato, fa parte.

    Nonostante la trama da feuilleton romantico (quale effettivamente è nella sua sostanza), il romanzo è scritto magistralmente, il contesto storico è reso all’altezza delle ricerche con cui la scrittrice si è documentata e nonostante la cospicua mole il romanzo si lascia leggere con piacere e attenzione.

    IL QUADERNO UNGHERESE
    Garat Anne-Marie
    Il Saggiatore, 2009, 988 p., € 22,50

    Sono la somma dei libri che ho letto e molto di più ancora la somma di quelli che non ho voluto leggere....

    LEAVE A REPLY

    Please enter your comment!
    Please enter your name here