Stonehenge, Bernard Cornwell

A Galeth fu affidato il compito di edificare il tempio e Saban divenne suo aiutante. Per prima cosa collocarono i quattro massi più piccoli. Gilan aveva già calcolato la loro posizione, quindi era necessario disporli in base a tali calcoli, e non a occhio, perchè le quattro pietre formavano due coppie, ciascuna rivolta verso Lahanna. Nel suo girovagare nel cielo, la dea restava sempre all’interno della stessa fascia,un anno dopo l’altro, ma una volta sola, nell’arco di una vita umana, si spingeva fino all’estremità settentrionale e una volta fino a quella meridionale. I pali collocati nel tempio a lei dedicato nell’insediamento indicavano i limiti di quelle aberrazioni a nord e a sud e, se un uomo avesse tracciato una linea fra i punti dell’orizzonte in cui sorgeva la luna e l’avesse prolungata, avrebbe incrociato ad angolo retto la linea in cui sorgeva il sole nella festa di mezz’estate. Questo semplificava il compito di Gilan. <<Non accade così dappertutto>>, spiegò a Saban. <<Soltanto qui, a Ratharryn, le linee s’incontrano ad angolo retto. Non a Drewenna, non a Cathallo, in nessun altro posto! Soltanto qui!>> Gilan era molto impressionato da quel fenomeno. <<Significa che siamo speciali per gli dei>>, aggiunse a voce bassa. <<Per me significa che questo è il centro del mondo>>.

 

La trama

2000 anni a.C., prima età del bronzo in Britannia. Nel pacifico villaggio di Ratharryn un favoloso tesoro, sottratto a uno straniero, scatena una lotta feroce tra i figli del capo del villaggio: Lengar, il guerriero, vuole servirsi dell’oro per diventare signore della tribù; Carnaban, nato storpio e ripudiato dal padre, ha appreso da una maga arcani poteri e, in seguito a una visione, convince il fratello minore, Saban, a edificare un tempio grandioso in cui accogliere il dio del Sole e la dea della Luna. Ma il destino di morte della giovane Aurenna, promessa sposa del dio Sole e amata dal giovane Saban, porterà ad uno scontro in cui la sorte dell’intero popolo sarà messa a repentaglio…

 

Stonehenge è un libro avvincente, ricco di riferimenti storici, e di tutti quegli elementi che fanno volare la fantasia: il potere degli dei, la lotta tra tribu’, il tempio da costruire per adorare la dea Lahanna.
E poi amore, passione, morte cruenta.
Se a tutto questo ci si aggiunge il mistero che da sempre circonda Stonehenge e le sue pietre (forse) magiche…direi che gli elementi ci sono tutti per poterlo considerare una lettura assai interessante!

 

Stonehenge
Bernard Cornwell
Longanesi, 2000, 500 pag., € 16,50
ISBN8830418307

40enne, mamma di una ex Vitellina, moglie di un cuoco provetto. Le mie passioni: lettura e scrittura. E ZeBuk. Fresca Expat in quel di Londra, vago come un bambino in un negozio di giocattoli nei mercatini di libri usati. Forse è questo il Paradiso!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here