La ragazza in blu, Susan Vreeland

Saskia sciolse il fagotto e i bambini smisero di ridere. Come ogni volta che guardava il dipinto Saskia ebbe l’impressione di venire risucchiata nella linda camera assolata in compagnia della ragazza.

“La luce. Dipingeva la luce, sai. Bellissimo”. La donna avvicinò il dipinto alla finestra. “Guarda la carnagione. Liscia e lucente come la seta. Potrebbe essere. Potrebbe senz’altro”.

“Potrebbe essere cosa?”.

“Un Vermeer, mia cara”.

La recensione di La ragazza in blu di Susan Vreeland

Un quadro di Vermeer, il pittore di Delft. Una scena di vita quotidiana: una ragazza seduta vicino a un tavolo, avvolta in blu. Si riposa e guarda verso la finestra, forse stanca per il troppo cucire. La mano mollemente appoggiata sul tavolo, lo sguardo sognante.

E il tocco inconfondibile del pittore olandese, la luce che contraddistingue le sue opere.

All’inizio della storia il quadro è a casa di Cornelius, professore solitario, che decide di rivelare ad un collega questo suo tesoro. Ma come è arrivata l’opera nelle sue mani?

La mia opinione su La ragazza in blu di Susan Vreeland

Questo libro è davvero bello. Sarà che Vermeer è uno dei miei pittori preferiti e che adoro i suoi dipinti così luminosi e quotidiani.

L’impianto della trama, a episodi, dà una visuale della storia del dipinto e andando indietro nel tempo ci spostiamo attraverso i secoli e i luoghi inseguendo le vicende degli uomini che per un motivo o per l’altro hanno avuto tra le mani il quadro. Dall’America alla Germania fino all’Olanda e alla città di Delft, il blu del dipinto incanta gli occhi di chiunque possegga il quadro.

Una storia su come la bellezza dell’arte possa cambiare o condizionare la vita, su come spesso le circostanze ci impongano di crescere in una notte o di come si possa giustificare qualunque cosa in nome della necessità.

Un libro che non si dimentica facilmente perché inonda la mente del lettore di immagini vivide e toccanti come un’opera d’arte.
Buona lettura.
 

La ragazza in blu
Susan Vreeland
Neri Pozza, 2003, p.169, €. 14,50

SIBY
Francesca, 44 anni, mi firmo come SIBY su Zebuk. Amo leggere e fin da piccola i libri sono stati miei compagni. Leggo di tutto: classici, manga, thriller, avventura. Unica eccezione Topolino; non me ne vogliate ma non l’ho mai trovato interessante.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here