La luna fredda, Jeffery Deaver

La Luna Fredda piena nel cielo brilla sulla terra morta e dice che è ora di finire il cammino cominciato con la nascita.

La recensione di La luna fredda di Jeffery Deaver

Una nuova indagine per Lincoln Rhyme e Amelia Sachs. Una serie di omicidi a firma dell’Orologiaio sconvolgono una New York avvolta nelle luci di Natale e in un freddo insolito. Chi è questo killer che si firma lasciando vicino alle vittime un orologio antico e una poesia sulla luna fredda? Nello stesso tempo l’agente Sachs sta svolgendo la sua prima indagine come detective. In un crescendo di cambi di prospettiva le due  indagini diventeranno una sola e come al solito Rhyme, questa volta aiutato anche dall’agente Dance, esperta di cinesica, riuscirà a fermare l’Orologiaio.

La mia opinione su La luna fredda di Jeffery Deaver

I libri di Deaver sono una lettura piacevole per chi ama il genere però sinceramente questo mi  è parso un po’ forzato nella trama. Manca quella tensione e quell’ interesse nelle indagini tipici dei primi libri della serie. Soprattutto la parte finale in cui finalmente si scopre chi sia l’assassino e perchè uccida è un po’ surreale come in quei film polizieschi in cui, proprio mentre l’ennesima sfortunata vittima sta per essere uccisa, miracolosamente sbuca la polizia.

Deaver ci aveva abituati a indagini certosine e a lunghi ragionamenti sugli indizi mentre in questo libro molto viene lasciato non detto e il risultato è che spesso, come lettrice, mi sono sentita poco partecipe delle indagini. Resta sicuramente una storia discreta  però, certamente, non al livello dei primi bellissimi libri.
Buona lettura.
La luna fredda
Jeffery    Deaver
BUR, 2009, p. 465, €. 10,90

Francesca, 44 anni, mi firmo come SIBY su Zebuk. Amo leggere e fin da piccola i libri sono stati miei compagni. Leggo di tutto: classici, manga, thriller, avventura. Unica eccezione Topolino; non me ne vogliate ma non l’ho mai trovato interessante.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here