Vaniglia e cioccolato, Sveva Casati Modignani

“Caro Andrea, disgrazia della mia vita. Ho minacciato tante volte di andarmene e non l’ho mai fatto. Adesso me ne vado. Sai quanto sia lenta ma tenace nelle mie decisioni. In diciotto anni di matrimonio ho misurato il tuo egoismo, la tua capacità di mentire, le tue paure, il tuo infantilismo. Non voglio sapere come riuscirai a cavartela senza di me visto che da solo non si in grado neppure di aprirti una birra.”

Una bellissima storia d’amore nello stile di Sveva Casati Modignani. La storia a lieto fine dell’amore coniugale in crisi dopo diciotto anni di matrimonio. Penelope, maestra di musica, è una brava moglie sposata con Andrea, giornalista un incallito donnaiuolo, ed hanno tre figli.Pepe è stanca dei continui tradimenti del marito che si sono susseguiti negli anni ed ogni volta Andrea per farsi perdonare torna a casa con una torta vaniglia e cioccolato, due gusti molto diversi ma che si abbinano magnificamente insieme, come loro due.

Un giorno decide di lasciarlo e andare nella casa al mare della nonna dove spera di trovare un po’ di pace e di fuggire dallo stress.

Lascia a casa il marito che dovrà farsi peso della casa e dei figli.

Al mare conosce un uomo che si invaghisce di lei, ma non riesce ad innamorarsene perchè pensa sempre al marito, da cui alla fine tornerà.

Una storia di ordinaria quotidianità, quante famiglie restano unite per il bene dei figli, anche se non si sentono più serene, anche se non si fidano più. Una storia di rassegnazione, la comodità di quello che si conosce e che tutti approvano e gli eventi che remano contro facendo morire questo” nuovo amore”

Vaniglia e cioccolato
Sveva Casati Modignani
Sperling, 2002, p. 471, € 9,20
Per acquistare:

 

Classe 1972, mamma di due adolescenti, moglie, assistente personale del direttore di una casa editrice, segretaria di una scuola di musica, amante dei libri e della musica.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here