Un amore insolito, Sibilla Aleramo

«Oggi sono trentaquattro anni che il mio primo libro venne pubblicato. Mi ripeto la cifra fino a rimanere stordita. Nella stanza sottostante, Franco intanto spera che io lavori. Non mi ha legato alla seggiola, come fece, un po’ per gioco e un po’ sul serio, una volta, due o tre anni fa, sa che all’incirca è come se legata fossi: gli ho promesso di non discendere fino a che non sarà notte».

Nel 1940, Sibilla Aleramo, narratrice e poetessa è a Capri, nella Villa Falconara e torna spesso qui per riposarsi e stare con le amiche scrittrici Alba De Cespedes e Maria Luisa Astaldi.

Da quattro anni vive una grande passione con Franco Matacotta, un ragazzo poco più che ventenne. Lo conosce quando ha da poco compiuto sessant’anni, ed è stata lasciata da Salvatore Quasimodo ed è convalescente da una grave malattia.

Questa sarà per lei una grande passione che la travolgerà… E’ l’ultimo amore della scrittrice la cui vita sentimentale era stata ricca di incontri ed amori, molti dei quali con personaggi negli ambienti artistico-letterari del suo tempo molto travagliati.

Questo diario svela i risvolti più intimi, una donna che ama un ragazzo, un poeta alle prime armi che ama una donna famosa…

La pubblicazione di questo diario fu voluto proprio da Franco che non voleva vederla senza fare nulla.

Il viaggiare tra Capri e Sorrento che permette a Sibilla di vivere questo amore come se fosse per sempre.

La stesura del diario, nella sua data di nascita, a partire proprio dal novembre 1940, porta il segno, di una storia verso la fine.

Sarà proprio la guerra e il servizio militare al quale sarà presto chiamato Franco a ritardare quello che era già un amore in crisi.

Le notti per Sibilla furono sempre più malinconiche e insonni. Franco appariva come sfuggente. Quando arriva la chiamata alle armi Sibilla ne è terrorizzata, non si dà pace e si impegna per sottrarlo alla chiamata ma senza riuscirci.

Sibilla sente che Franco è sempre più assente e lei stessa si convince della fine, annotandolo nel diario, però è ancora innamorata, non vuol rinunciare.

La guerra, con le sue immani tragedie, alimenterà una corrispondenza fitta e numerose pagine dolorose del diario. Franco le scriverà, alla fine del conflitto, una lettera d’addio, ricordandole con cinismo la fine del loro amore.

Nel diario si alternano periodi felici a periodi di tensione, emerge la differenza d’età e la condizione intellettuale di entrambi.

Lui si mostrerà crudele, scontroso nei confronti dell’Aleramo, desideroso della fama di lei. La differenza di età farà emergere in lei il lato materno, proprio la figura della mamma da qui Franco è fuggito.

Buona lettura

Un amore insolito
Sibilla Aleramo
Feltrinelli, 1979, p. 475, €. 14,90

Puoi acquistarlo qui:

Classe 1972, mamma di due adolescenti, moglie, assistente personale del direttore di una casa editrice, segretaria di una scuola di musica, amante dei libri e della musica.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here