La vita non è grave, Baptiste Beaulieu

Le persone che amiamo non muoiono mai. Infondono in noi ciò che è buono, bello e forte. Ci ispirano a essere sinceri, giusti e autentici. Sono loro le decisioni giuste che prendiamo nella vita. Sono la cioccolata calda che ci aspetta in fondo a una pista, d’inverno, e il vento tiepido sulle nostre guance, in primavera, e il profumo che sale dalla terra bollente dopo la pioggia, d’estate. Sono il medico che aiuta il malato a rialzarsi, sono il frutto generoso e il pianto del neonato.
Loro ci sono sempre.
Certi giorni noi viviamo da vigliacchi e disprezziamo noi stessi. Altri giorni viviamo generosamente, splendidi e trionfanti: in quei giorni, i nostri morti sono dietro di noi e ci spingono verso il sublime. Sono loro che ci aiutano a restare in piedi.

La recensione di La vita non è grave, Baptiste Beaulieu

Baptiste Beaulieu è un giovane medico francese, autore di un blog di successo, ci racconta sette giorni della sua vita in ospedale: orari, luoghi e persone.
Quello che ne emerge è un racconto scorrevole dove descrive pazienti e colleghi, i limiti della sanità pubblica, le storie di dolore e di speranza.

Sette lunghe notti raccontate in prima persona da Baptiste, specializzando in medicina interna. Di giorno Baptiste dorme nel pensionato della facoltà mentre di notte si dedica con passione al suo lavoro. Si traveste da clown, si affeziona ai malati, e in particolare alla paziente malata terminale della stanza n. 7, alla quale, in attesa che il figlio bloccato in aeroporto dall’eruzione di un vulcano arrivi a darle l’ultimo saluto, racconta aneddoti e storie dell’ospedale come se fossero medicine.

Abbiamo perso la guerra, ma mi sento meno infelice per averla persa al tuo fianco.

Perché nel luogo sacro, caotico e per nulla asettico, dove tutto comincia e tutto finisce, la vita si rivela in tutto il suo incommensurabile valore.
Ne emerge la figura di un medico che tutti noi vorremmo incontrare: quello innamorato del suo lavoro e della vita.

Lo stile è veloce in questo romanzo fatto di aneddoti, che invogliano a continuare a seguire le vicende di questo giovane medico nel suo blog: www.alorsvoila.com

La vita non è grave
Baptiste Beaulieu
Rizzoli, 2014, 267 pag., € 17.00

Classe 1983 anni, romagnola, mamma di due splendidi bambini e di una stella nel cielo. Programmatrice, lettrice e multitasking (o almeno ci si prova!) Mi piace la lettura da sempre, ho voluto una libreria ampia e spaziosa nella casa nuova, che accogliesse tutti i miei libri. A natale, stufo dei libri accatastati ovunque, mio marito mi ha comprato un ereader. Ed è stata la fine…..

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here