Tu che sei di me la miglior parte, Fausto Brizzi

“Sedevamo sull’erba a due passi dal laghetto, e mentre mangiavo il mio trancio di pizza non potevo levare gli occhi di dosso a Ester. Ogni suo gesto esprimeva la fierezza di una giovane donna che comincia ad aprirsi la strada da sola. Mi faceva pensare a sua madre, così come mi era apparsa la prima volta; ormai la bellezza dell’una era quella dell’altra, e mi dissi che appartenevano a una specie rara e speciale, una stirpe di creature mandate sulla terra a far sognare e disperare gli uomini”.

La recensione di Tu che sei di me la miglior parte, Fausto Brizzi

Siamo a Bologna, negli anni 80, Tommy, l’adolescente protagonista, si divide tra scuola, parrocchia, amici e le prime cotte…

Tommy dopo la morte del padre, cresce con la mamma, Alice. La sua infanzia trascorre con la nonna, gli zii, tra cui spicca zio Ianez, i fratelli Athos e Selva ed il primo amore, Ester, conosciuta per caso al cinema. E di lei che si innamora anche l’ultimo arrivato Raul, che sarà per Tommy un modello irraggiungibile.

La mia opinione su Tu che sei di me la miglior parte, Fausto Brizzi

Impossibile non rivivere la propria adolescenza, anche se i problemi sembrano diversi in realtà non lo sono, sempre un gran subbuglio, cambia però il modo di affrontarli.

Noi come Tommy non avevamo cellulari e social, ma relazioni fisiche dirette.

Un ritorno al passato attraverso lo zaino Invicta, le Doctor Martens, le musicassette da registrare e il mood tipico dell’adolescenza…

Ho amato tutti i libri che ho letto di Brizzi, questo un po’ meno, ho faticato un pò finirlo, un po’ troppo lento, ma il salto nel passato mi è piaciuto molto.

“«Tu lo sai come finirà, vero?» mi sorrise, e
non poteva esistere al mondo un’altra ragazza
bella com’era lei in quell’istante preciso.
«Non lo sa nessuno, come finirà» diedi voce alla
speranza. «Il futuro è ancora da scrivere.»”

Buona lettura!

Tu che sei di me la miglior parte
Fausto Brizzi
Mondadori, 2018, p. 543, € 17,00

Puoi acquistare qui:

PHoto : glianni80.com

Classe 1972, mamma di due adolescenti, moglie, assistente personale del direttore di una casa editrice, segretaria di una scuola di musica, amante dei libri e della musica.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here