Gilberto Lunardon detto “il Limena”, Ernesto Masina

Diceva di chiamarsi Limena, il suo paese di origine, ma in effetti il suo nome era Gilberto, Gilberto Lunardon.

Breno è un piccolo paesino della Val Camonica.
La nuova Italia post seconda guerra mondiale si sta rimettendo in piedi e lo spirito è allegro per la fine della guerra e le punizioni esemplari per i fascisti.
Limena arriva a Breno in un giorno qualsiasi.
Il suo unico pensiero è allontanarsi dalla villa dove ha lavorato e cominciare una nuova vita in un posto dove nessuno lo conosce.
All’inizio tutto sembra andare per il meglio: una casetta, qualche chiacchiera al bar e l’allevamento delle oche a garantire guadagni sicuri.
Una mattina però il Limena vede svanire tutto e si ritrova accusato di un crimine per cui si dichiara innocente.

Gilberto Lunardon detto Il Limena è il seguito de l’Orto fascista ed è una lettura gradevole che fa buona compagnia.
Amando molto Chiara e Vitali non potevo non trovare piacevole questa storia che per temi e narrazione richiama questi due famosi nomi.
Le chiacchiere di paese, il perbenismo ma anche l’ironia e i sotterfugi la fanno da padrone e si è trascinati a fine anni quaranta tra uomini in brillantina, donne di malaffare e vecchi conti in sospeso.
Buona lettura.

 

Gilberto Lunardon detto “il Limena”
Ernesto Masina
Macchione Editore, 2014, p. 232, €. 15,00

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here