Che forza la danza, P. Sorrentino, D. Caione, L. Selvaggi

Non so ancora se da grande vorrò fare la designer o l’illustratrice, la scienziata o la giornalista, però quest’anno ho capito che non devo mettere limiti ai miei desideri perché nessun sogno è irraggiungibile!

Anita è una ragazzina come tante che vuole un mondo di bene alla sua migliore amica e ama la danza.
Le piace studiare ma le materie scientifiche non fanno per lei.
Un giorno arriva a lezione di danza e scopre che c’è una nuova insegnante.
Lalla è giovane, balla benissimo e in più sta per laurearsi in fisica.
Come può una ballerina amare la fisica?
Sarà proprio Lalla a spiegare alle sue giovani allieve che la fisica non è una cosa astratta ma che può addirittura servire per ballare meglio!
Che sorpresa per Anita scoprire non solo che la fisica le piace ma che può anche essere divertente.

Che forza la danza è il diario di Anita che racconta con disegni e note le sue scoperte ed incursioni nel mondo scientifico.
Una lettura piacevolissima che ho già consigliato alle mie alunne.
Un doppio consiglio perché non solo il libro è davvero carino ma poi perché la mia scuola ha partecipato al progetto STEM.
STEM sta per Science, Technology, Engineering and Mathematics tutte materie da sempre viste come roba da maschi.
Ed invece il laboratorio pensato per le scuole primarie prevedeva di avere almeno il 60% di partecipazione femminile.
E quindi via libera alla progettazione tramite algoritmi di percorsi e costruzione di robot con i lego.
Le ragazze si sono divertite un mondo perché non esistono materie di genere e tutti possiamo fare tutto.
Che forza la danza ci ricorda che gli stereotipi di genere devono essere abbandonati e che bisogna iniziare a pensare in modo diverso.
Come diceva un uomo famoso: Yes, we can!
Buona lettura.

Che forza la danza
P. Sorrentino, D. Caione, L. Selvaggi
Matilda editrice, 2019, p. 57, €. 9,00

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here