Cara Ijeawele, Chimanda Ngozi Adichie

0

“Cara Ijeawele,

che gioia! E che bei nomi: Chizalum Adaora. Lei è bellissima. Ha solo una settimana di vita e già un’aria così curiosa di quel che le sta intorno. Che cosa magnifica hai fatto a mettere al mondo un essere umano.”

Un’amica d’infanzia chiede all’autrice di dirle come crescere una figlia femminista vista la sua esperienza nell’accudire i figli di persone care.

Decide di scrivere una lettera ed i libro di cui vi racconto oggi è una versione con qualche modifica di quella lettera.

Tra i consigli alla bambina il primo è quello di essere una persona completa e soprattutto di non fare tutto da sè, ma di chiedere aiuto e di condividere tutto con gli altri.

Afferma che i ruoli di genere sono una grande sciocchezza in quanto non si deve fare qualcosa solo perchè si è femmina, ma si deve fare quello che piace, che fa stare bene.

Fondamentale per le bambine è leggere, informarsi e fare attenzione alle parole che si pronunciano e che gli altri dicono.

Inoltre il matrimonio non è un traguardo ma un punto d’inizio e non si deve per forza piacere a tutti ma trovare il proprio senso d’identità.

Altro consiglio prezioso, curare il proprio aspetto senza eccedere e soprattutto fare movimento, fare sport per stare bene con se stesse.

Consiglia anche di instaurare un buon dialogo con la madre in modo di poter parlare di tutto, anche del sesso.

Ricordiamo alle bambine che l’amore non è solo DARE, ma anche RICEVERE.

Buona lettura!

Cara Ijeawele
Quindici consigli per crescere una bambina femminista
Chimanda Ngozi Adichie
Einaudi, 2017, p. 96, € 15,00

Puoi acquistarlo qui:

Photo : wikihow.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here