Il paradosso del respiro, Emanuele Finardi

recensione-il-paradosso-del-respiro-emanuele-finardi

“Sette per sette?”

Silenzio

Il maestro Garsin ripetè implacabile la domanda. “Sette per sette… Non risponde?”

“Non è difficile, ma non ricordo…”

Avrebbe voluto contare con le dita, ma non si poteva davanti al maestro.”

Recensione di Il paradosso del respiro di Emanuele Finardi

I protagonisti di questo libro sono dei sopravvissuti con delle patologie più o meno gravi, con dei difetti fisici ed emotivi che cercano comunque di sopravvivere.
Un libro un po’ particolare, dove non esiste una vera trama ma tante brevi storie, tanti personaggi, come una favola che ogni protagonista ci racconta.

Emanuele nato prematuro, pesava circa 830 grammi, in incubatrice per tre mesi per un problema toraco-addominale, conosciuto come respiro paradosso che lo ha accompagnato per tutta la sua vita.

Il respiro paradosso, o asincronia toraco-addominale, è un’alterazione della respirazione di solito presente in soggetti con frattura multipla alle coste nel caso sia presente un volet costale, che consiste in un parziale o completo scollamento di un gruppo di costole dalla restante gabbia toracica.

In questa condizione a ogni atto inspiratorio l’addome si espande mentre il torace si restringe e viceversa. In condizioni normali invece, quando si respira, il torace e l’addome si espandono contemporaneamente durante l’inspirazione, e si restringono durante l’espirazione.

La mia opinione di Il paradosso del respiro di Emanuele Finardi

“Luca aveva sempre torto. Aveva torto ogni mattina appena si svegliava. Alle otto quando usciva di casa. Ogni sera quando rientrava tardi dal lavoro. Ogni notte quando guardava fuori dalla finestra. E aveva torto perché non si informava. In più, diceva grazie e prego. Sempre. Dunque, anche a volerlo, come dargli ragione?”

Lettura piacevole e veloce da leggere.

I messaggi che i personaggi ci lasciano sono sempre molto importanti e spesso li sottovalutiamo, non diamo loro la giusta importanza.

Questo libro non è solo un gioco di parole, visto che i prematuri sono coraggiosi perchè vedono la vita in modo diverso, perchè vengono al mondo in un modo magari più difficile.

Uomini e donne che sembrano essere al mondo da poco, sono incapaci e impotenti, non riescono ad inserirsi nella vita di tutti i giorni.

Buona lettura!

Il paradosso del respiro
Emanuele Finardi
Edizioni Ensemble, 2019, p. 119, € 12.00

Puoi acquistarlo qui:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here