Qui comandiamo noi, Lisen Adbåge

In cortile, loro decidono chi può giocare e chi no.
Noi non possiamo. Mai.
ANDATE VIA! gridano, costringendoci ad allontanarci.

La recensione di Qui comandiamo noi di Lisen Adbåge

In cortile o al parco i bambini di solito giocano felici e spensierati.
Però a volte capita che ci siano gruppi di bambini che non sanno stare insieme agli altri.
Bambini prepotenti, maleducati, che pensano di poter comandare su tutto e tutti.
Gruppi di bulli insomma, bambini che vogliono decidere chi può o non può giocare e a cui nessuno osa dire no.
Ma questi bulli sono davvero così forti?

 

La mia opinione su Qui comandiamo noi di Lisen Adbåge

La Margherita edizioni con Qui comandiamo noi sceglie una storia che ritrae molto bene il bullismo tra bambini.
Soprattutto mette in mostra come anche tra i più piccoli si possano verificare episodi gravi.
Infatti andare da un gruppo di coetanei e vietare loro di fare qualcosa è un fatto grave che non bisogna lasciar passare in secondo piano.
Nel libro di Lisen Adbåge i bulli credono di poterla sempre avere vinta invece scopriranno quanto è brutto essere lasciati in disparte, essere loro a sentirsi dire-No!-

II 7 febbraio è la Giornata Nazionale contro il bullismo e cyberbullismo e riguardo a questo argomento non bisogna mai abbassare la guardia.
Parlare di bullismo, leggere testi dedicati, è importantissimo perché spesso è un pericolo sotterraneo e qualcosa di cui i bambini vittime si vergognano.
Storie come questa aiutano a spiegare ai più piccoli che invece è il bullo a doversi vergognare, che non bisogna aver paura e che parlarne, confrontandosi con gli amici e con i grandi, è il primo passo verso quel NO che da soli non riescono a dire.
Buona lettura.

Qui comandiamo noi
Lisen Adbåge
La Margherita, 2020, p. 36, €. 14,00

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here