Vernice nera, Claudia Maria Bertola

Il corpo giace mollemente disteso sulle gambe dell’uomo.
Minuto, pallido, inerme. La testa è riversa all’indietro: i lunghi capelli sfiorano, con le punte, il pavimento.
La mano destra dell’uomo ne sorregge le spalle, la sinistra ne accarezza i piccoli piedi aurei suscitandone un fremito. Poi supera il malleolo e sale, seguendo il percorso dei tendini, fino ai polpacci esili, ma morbidi e compatti. Le dita sfiorano la safena che, come un sentiero, le conduce al muscolo plantare. L’arteria e la vena poplitee proseguono verso l’inguine, il nervo tibiale sfila in parallelo.
I polpastrelli riconoscono ogni centimetro di quell’anatomia perfetta, come un cieco riconosce le lettere e le parole della scrittura Braille.

La recensione di Vernice nera di Claudia Maria Bertola

Marina Novembre è una milanese che si trova ad ereditare un rifugio in Alto Adige.
Non sa ancora se sia fortuna o no, ma di quel posto si innamora subito, così decide di lasciare lavoro, casa e amici nella grigia Milano per deidcarsi a tempo pieno al rifugio in montagna.
Le fanno ora compagnia una capretta orfana, che dorme con lei, e un fedele cagnolino, oltre a qualche lavoratore del rifugio.

Immersa in questa pace un giorno Marina riceve una telefonata dalla sua amica: Adele, la figlia del suo capo Massimo Drago, è scomparsa. Rapimento o allontanamento volontario?
Marina inizia a credere che la ragazzina sia stata vittima di un “gioco” nel Dark Web da parte di un’organizzazione chiamata Vernice Nera e che si rivolge ai giovani biondi e pallidi.

Così Marina torna a Milano e inizia ad indagare…

La mia opinione di Vernice nera di Claudia Maria Bertola

I primi capitoli di Vernice Nera mi hanno davvero rapito: sono amante della montagna e quella che è descritta da Claudia Maria Bertola è così bella e vera da chiudere gli occhi e sentire il silenzio rotto solo dallo scampanellio dei pascoli.
Il romanzo poi si sviluppa in un giallo tutt’altro che banale, dal ritmo incalzante che mescola umorismo a tensione.
Uno spaccato di vita italiana di tre generazioni, con amicizia e passione dove però nulla è quello che sembra.

Morellini poi ha accompagnato l’uscita del libro con una bella playlist su Spotify, tutta da ascoltare!

Il BookTrailer

L’autrice: Claudia Maria Bertola

Claudia Maria Bertola è nata a Torino.
Dopo un lungo percorso in agenzie di comunicazione come art director, nel 2004 si trasferisce a Milano dove vive e lavora come art e copywriter freelance.
Vernice Nera è il suo primo romanzo.

Vernice nera
Claudia Maria Bertola
Morellini, 2019, 382 pag., € 16.90

Classe 1983 anni, romagnola, mamma di due splendidi bambini e di una stella nel cielo. Programmatrice, lettrice e multitasking (o almeno ci si prova!) Mi piace la lettura da sempre, ho voluto una libreria ampia e spaziosa nella casa nuova, che accogliesse tutti i miei libri. A natale, stufo dei libri accatastati ovunque, mio marito mi ha comprato un ereader. Ed è stata la fine…..

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here