I cieli di Philadelphia, Liz Moore

Oggi, Kensington è solcato da due arterie principali: Front Street, che porta a nord lungo il confine orientale della città, e Kensington Avenue, in genere chiamata “l’Avenue” (appellativo che può essere amichevole ma anche sprezzante, a seconda di chi lo pronuncia), che inzia dalla Front e poi vira verso nordest. La ferrovia sopraelevata di Market – Frankford, detta anche “l’ El” (in una città chiamata “Philly” non è possibile avere delle infrastrutture senza soprannome), passa proprio sopra Front Street e Kensington Avenue, il che significa che per la maggior parte del giorno queste due strade sono in ombra.

La recensione di I cieli di Philadelphia di Liz Moore

L’agente di polizia Michaela Fitzpatrick lavora nel quartiere di Kensington a Philadelphia.
Per lei quelle vie, i negozi abbandonati, i bar fighetti che tentano di rinnovare un quartiere lasciato a se stesso da troppo tempo non hanno segreti.
Michaela conosce tutti, tossici e prostitute, ed ogni giorno, mentre è di pattuglia, ogni volta che risponde ad una chiamata, il suo cuore perde un battito.
Perché la donna in overdose da soccorrere, la prostituta che si vende per un po’ di droga potrebbe essere sua sorella Kacey.

Michaela e Kacey non si parlano da molto tempo e quando arriva una chiamata per un cadavere sui binari del treno la poliziotta è convinta che possa essere lei.
Invece è di un’altra il corpo senza vita riverso a terra e quando lo vede si accorge subito che non è l’overdose la causa della morte di quella sconosciuta.
Michaela è una semplice agente di pattuglia e non è certo compito suo indagare su un omicidio eppure non rinuncia a chiedere in giro scoprendo molte cose su se stessa e sul quartiere intorno a lei.

La mia opinione su I cieli di Philadelphia di Liz Moore

I cieli di Philadelphia di Liz Moore è un romanzo intenso, bellissimo.
É la storia della ricerca, disperata, di Kacey e del rapporto irrisolto tra le due sorelle.
La protagonista ama il suo lavoro e quel quartiere massacrato da anni di disinteresse delle istituzioni; Kensington per lei è comfort zone e dolore allo stesso tempo.

Il quartiere è uno dei protagonisti del libro e fin dall’inizio ci viene incontro prepotente nel freddo dell’inverno di Philly.

La ferrovia è sorretta da enormi pilastri d’acciaio, zampe azzurre poste ogni dieci metri, che le danno l’aspetto di un millepiedi gigantesco e minaccioso sospeso sul quartiere. Quasi tutte le transazioni (droga e sesso) che si svolgono a Kensington iniziano su una di queste due strade e finiscono in una delle case o dei lotti abbandonati che affollano i vicoli e le strade secondarie del quartiere..

Michaela vuole trovare Kacey, logorata da un senso di colpa che non l’abbandona mai e all’inizio pensiamo davvero che Michaela sia l’eroina senza macchia a cui il destino ha fatto lo sgambetto dandole il peso di una sorella così problematica.

L’agente Fizpatrick batte tutte le strade, chiede in giro a chiunque. La sua è un’indagine che affonda nei ricordi di famiglia, tra le pieghe delle chiacchiere dei parenti con cui non parla da anni, nelle tazze di caffè bevute dalle prostitute tra un cliente e l’altro, sui marciapiedi, al freddo.
Michaela cerca un’assoluzione, una redenzione che solo Kacey può darle e mentre insegue i passi della sorella scopre anche qualcos’altro, non meno importante.
Scopre di essere vulnerabile, di aver commesso errori, di non essere così perfetta. E scopre anche che la polizia sbaglia, e lo fa pesantemente, e nasconde gli sbagli buttandoli sugli anelli deboli della catena.

Liz Moore scrive un romanzo magnifico, pagine dense e vibranti, dove le emozioni non rimangono mai in superficie ma affondano nelle vite delle protagoniste e travolgono il lettore.

Michaela e Kacey sono due personaggi indimenticabili, tormentati, feriti ma pronti a rinascere così come il quartiere di Kensington che sopravvive, nonostante tutto, tra case e lotti abbandonati, negozi – tutto a un dollaro – e nuovi locali.
Buona lettura.

I cieli di Philadelphia
Liz Moore
Nn Editore, 2020, p. 2020, €. 18,00

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here