Lele, l’elefantino, Silvia Buda

Nella lontana e caldissima Savana dell’Africa Equatoriale viveva un elefantino di nome Lele.
Non era affatto un elefantino come tutti gli altri, era diverso.
Indossava sempre un mantello rosso e una maglietta di Superman.
Accadeva che per il suo abbigliamento, l’elefantino Lele era spesso deriso dai suoi compagni di scuola ma lui di questo se ne faceva un baffo, anzi, due baffi, anzi tre!

La recensione di Lele, l’elefantino di Silvia Buda

Lele è un elefantino molto intelligente che vive nella Savana.

Ama le tabelline e la botanica e il suo piatto preferito è la zuppa alle arachidi con contorno di carote.
Indossa sempre un mantello rosso e una maglietta di Superman. Per questo Lele viene spesso deriso dai suoi compagni di scuola, ma a lui non interessa perchè adora indossarli.

Un giorno, mentre va a lezione di musica (adora anche suonare il sax) trova delle orme misteriose. Non ne fa parola con nessuno ma decide di scoprirne di più…
Scopre così la presenza di uomini… Forse il branco è in pericolo?

La mia opinione di Lele, l’elefantino di Silvia Buda

Lele, l’Elefantino è un libricino breve ma avventuroso, che può essere letto ai bambini dai 4 anni in su ed è adatto anche alle prima letture autonome.
Silvia Buda ormai ci ha abituato alle storie con una morale di fondo e questa non è da meno. Lele, l’Elefantino è un libro che parla di rispetto e di bullismo, ma anche di coraggio e di senso di appartenenza.

La decisione fu presa. Il giorno dopo tutti gli animali della Savana si sarebbero recati a nord-ovest. La loro missione era unanime: Scacciare per sempre dalla Savana quella oscura presenza.

Una storia simpatica che insegna ai bambini a non ascoltare le prese in giro ma anche che ognuno, nel nostro piccolo, può avere un ruolo importante per altre persone.

Lele, l’elefantino
Silvia Buda
Giovanelli Edizioni, 2020, 48 pag., € 9.00

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here