Se una notte a Parigi, una tedesca e un italiano, Federico Iarlori

Gli italiani piacciono a tutti, tranne che agli italiani. Ce ne ho messo di tempo, ma alla fine ho capito che uno sfigato, se è italiano, non è mai il più sfigato di tutti; che c’è sempre una salvezza possibile. Basta andarsela a cercare altrove.

La recensione di Se una notte a Parigi, una tedesca e un italiano di Federico Iarlori

Federico ha 30 anni, viene da un paesino dell’Abruzzo e dopo la laurea alla Cattolica di Milano si destreggia tra uno stage e l’altro, rigorosamente sempre non retribuito.
Leggermente ipocondriaco, con la passione per la letteratura francese, decide di emigrare a Parigi per fuggire dalla precarietà.
Qui, come nelle più belle favole, trova sia il lavoro che l’amore.
Lei si chiama Julia, è tedesca, ha i capelli lunghi e biondi e gli occhi di ghiaccio. Sarebbe praticamente perfetta se non fosse tedesca. E soprattutto, se non fosse il suo capo!
Con il primo bacio arriva per Federico anche la lettera di licenziamento perchè il conflitto d’interessi sul posto di lavoro è preso seriamente.

Federico si trasferisce da Julia. I mesi passano e mentre lui cerca invano un nuovo lavoro, lei inizia a sentire il tichettio dell’orologio biologico.
Così da casalingo mantenuto a mammo il passo per Federico è brevissimo, con la nascita di un nano che è italo-franco-tedesco, figlio dell’Europa unita.
Ma proprio con l’arrivo del nano, Federico dovrà fare i conti con le nuove responsabilità e la sua innata attitudine alla fuga.

La mia oponine di Se una notte a Parigi, una tedesca e un italiano di Federico Iarlori

Se una notte a Parigi, una tedesca e un italiano sembra più l’inizio di una barzelletta e invece è il romanzo d’esordio di Federico Iarlori.
In effetti comico lo è: Federico Iarlori ha una scrittura leggera e divertente che ti fa volare di pagina in pagina quasi senza accorgertene.
Un tuffo tra le atmosfere parigine di un trentenne rappresentatnte proprio della generazione attuale, quella che si trova a dover emigrare per cercare fortuna.
Una divertente crescita interiore di un ragazzo che diventa papà.

Da mamma ho sorriso notando che gli esaurimenti sono li stessi, sia per gli uomini che per le donne, quando ci si occupa di figli.

Buona Lettura!

L’autore: Federico Iarlori

Federico Iarlori è nato ad Ortona nel 1983. Dopo la laurea all’Università Cattolica di Milano si è trasferito a Parigi, dove vive e lavora da più di dieci anni.
È attualmente giornalista, traduttore e producer freelance, ma conta di smettere al più presto. Papà di due bimbi italo-franco-tedeschi, ha fondato il blog “Il Mammo” per raccontare la sua storia di casalingo disperato a Parigi. È stato co-protagonista della serie web di successo Ritals.

Se una notte a Parigi, una tedesca e un italiano
Federico Iarlori
Giunti Editore, 2020, 324 pag., € 18.00

Classe 1983 anni, romagnola, mamma di due splendidi bambini e di una stella nel cielo. Programmatrice, lettrice e multitasking (o almeno ci si prova!) Mi piace la lettura da sempre, ho voluto una libreria ampia e spaziosa nella casa nuova, che accogliesse tutti i miei libri. A natale, stufo dei libri accatastati ovunque, mio marito mi ha comprato un ereader. Ed è stata la fine…..

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here