Il sapore delle parole inaspettate, Giulia Zorat

Ultima Modifica: Set 16, 2020
recensione-il-sapore-delle-parole-inaspettate

“Vita. Dopo nove mesi di attesa, mamma Aurore e papà Guillaume sono lieti di annunciare la nascita del piccolo Mathieu, cinquantun centimetri per tre chili e duecento grammi di tenerezza. E’ venuto alla luce alla due e dieci di notte, il 20 settembre 2013, presso l’ospedale Saint Vincent de Paule di Parigi.”

La recensione di Il sapore delle parole inaspettate di Giulia Zorat

Siamo a Parigi, in una piccola patisserie dove una coppia di anziani, Jacques e Josephine vivono in simbiosi, indispensabili uno per l’altro come gli ingredienti di un dolce.

Poi arriva Irene, la figlia che hanno tanto voluto ma che non è mai arrivata.
Irene è una donna timida e riservata che lascia l’Italia per rifarsi una vita a Parigi, è incinta di Enea, che ora ha 10 anni e si racconta attraverso il suo diario, che ha chiamato come il suo papà, Alberto, che non ha mai conosciuto e di cui non sa nulla.

Jacques soffre per la perdita della moglie e racconta con delle lettere a lei indirizzate la sua immensa sofferenza, la solitudine, il senso di abbandono dopo una vita vissuta in simbiosi con Josephine.

E poi c’è François, quarantenne, che soffre di depressione da tempo e vuole lasciarsi il passato alla spalle, eliminare la tristezza e aiutare finalmente qualcuno, rendere la sua vita speciale e degna di essere vissuta.

Cinque personaggi originali, speciali e al tempo stesso pieni di amore.

La mia opinione di Il sapore delle parole inaspettate di Giulia Zorat

 

“Ognuno vive la… adesso lui è rimasto solo. Cerca l’altra metà come un pazzo furioso. La mamma dice di lasciarlo stare, ma io vorrei aiutarlo. Dirgli di raccogliere i pezzetti del suo cuore e di ricordare come vanno messi insieme.mancanza di qualcosa o di qualcuno, un grande vuoto.”

Il libro di esordio di Giulia Zorat è un romanzo ricco di sentimenti, di malinconia, di tristezza, di amore e soprattutto di voglia di vivere e di un riscatto!

L’ho letto in pochissimo tempo con le lacrime agli occhi.

Le vere protagoniste di questo romanzo sono le parole scritte, in una lettera o in un diario, in un dolce al cioccolato o quelle che purtroppo con il passare degli anni si sono dimenticate.

L’autrice
Giulia Zorat è laureata in Giurisprudenza, ma non fa l’avvocato. Lavora nel settore della comunicazione digitale. Ha scritto articoli per Vogue Italia e Sul romanzo e racconti per Tuffi Rivista, Locomotiv e Tre racconti. Nel 2018, il suo racconto La balena 52-hertz è stato pubblicato all’interno dell’ebook Storie di scuola, edito da Giunti Scuola.
Ha vissuto in diverse città, ma Parigi è quella che le è rimasta più nel cuore, ispirando il suo primo romanzo.

Buona lettura!

Il sapore delle parole inaspettate
Giulia Zorat
IoScrittore, 2020, p. 152, € 14,25

Puoi acquistarlo qui:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here