L’oca e suo fratello, Bart Moeyaert, Gerda Dendooven

Per un momento tutti e tre trattennero il fiato, e dopo, insieme, tirarono un sospiro che cambiò il mondo.

La recensione di L’oca e suo fratello di Bart Moeyaert e Gerda Dendooven

Due oche, due fratelli, sono in procinto di partire.
Devono arrivare fino in Spagna per passare là i mesi freddi.
Una delle due oche però preferirebbe rimanere nella fattoria dove si trovano ora, con tutti gli animali.
Tra battibecchi tra fratelli, chiacchiere con i tacchini, le pecore e il cane, la contadina che va e viene, la talpa amica che arriva all’improvviso, fugaci visite di alci e altro ancora, i due fratelli non se ne andranno più dalla fattoria che alla fine, per loro, è il posto migliore dove scegliere di vivere.

La mia opinione su L’oca e suo fratello di Bart Moeyaert e Gerda Dendooven

L’oca e suo fratello è l’ultimo libro di Bart Moeyaert pubblicato da poco da Sinnos Editrice.
Composto da 45 racconti è illustrato da Gerda Dendooven con disegni unici nel loro genere. Il tratto è peculiare, i colori usati sono l’arancione, il blu e il bianco e ogni illustrazione è un piccolo quadro che rappresenta il microcosmo della fattoria e dei suoi abitanti. Le illustrazioni hanno un’aria un po’ retro che ben si abbina al testo.

L’oca e suo fratello parla del rapporto tra due fratelli e di quanto gli stereotipi siano sbagliati.
Come tutte le oche, o almeno come si immagina che sia, questi due fratelli protagonisti chiacchierano a non finire, si impicciano di tutto e spesso hanno l’aria svagata.
In realtà nella loro semplicità capiscono, spesso più di altri, la profondità di ciò che li circonda e il significato della vita.

I racconti sono brevi ma ognuno riesce a cogliere perfettamente una certa atmosfera, un determinato sentimento diventando perfetta rappresentazione del mondo.

Sono piccole storie allegre ma anche tristi, dolci eppure dolorose, storie normali che mostrano la magia insita nelle piccole cose, la bellezza del quotidiano fatto di incontri, chiacchiere e piccole riflessioni.
I protagonisti sono animali da cortile, sì, ma in realtà mettono in scena tutta la gamma delle emozioni e dei sentimenti umani conosciuti.

Questo libro è davvero una piccola perla di semplicità, profondità ed eccellenza narrativa.
Buona lettura.

L’oca e suo fratello
Bart Moeyaert, Gerda Dendooven
Sinnos, 2020, p. 144, €. 15,00

Francesca, 44 anni, mi firmo come SIBY su Zebuk. Amo leggere e fin da piccola i libri sono stati miei compagni. Leggo di tutto: classici, manga, thriller, avventura. Unica eccezione Topolino; non me ne vogliate ma non l’ho mai trovato interessante.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here