Il ragazzo e la tempesta, Antonio Ferrara

“Mi fece paura. Arrivò un sabato di ottobre prima di pranzo, mangiò in silenzio e poi si alzò e usci in cortile a fumare e a guardare la montagna, fermo accanto al tavolino con la cesta di frutta. Io lo volevo vedere da vicino, allora mi avvicinai in punta di piedi, da dietro.”

La recensione di Il ragazzo e la tempesta, Antonio Ferrara

Bruno è un ragazzino di tredici anni che vive con la sua famiglia: la mamma, il papà e sorella Dora, ai piedi della montagna.

La vita in montagna è molto dura. Il padre di Bruno, è una guardia forestale e sulla montagna ha rischiato la vita.

E’ rimasto in coma per cinque anni, tornato a casa è irriconoscibile e Bruno ha un po’ paura di lui, anche se lo ammira molto.

Bruno vorrebbe essere duro e forte come il padre.

Padre e figlio partono per una spedizione tra i boschi e le rocce dove ci sono molti pericoli, ma è l’unico modo per diventare uomini ed affrontare le sfide che la vita ci mette davanti.

La mia opinione di Il ragazzo e la tempesta, Antonio Ferrara

“Vuoi provare?” disse a sorpresa mentre non guardavo, e mi diede le scure per il manico e poi mi disse prova. Allora ci provai anch’io, a spaccar legna, ma la scure ci restava conficcata. Come mio padre stava conficcato nel mio cuore.”

 

Il ragazzo e la tempesta di Antonio Ferrara è una storia avvincente e un po’ drammatica che lascia però l’amaro in bocca per il triste finale.

Mi è piaciuto molto l’aneddoto in cui Bruno per una ricerca scolastica deve portare a scuola una foglia di un albero.

Tornato a casa il ragazzo chiede al padre di aiutarlo e lui gli mostra una pianta, il ginkgo, un albero cinese sopravvissuto alla bomba atomica.

Bruno emozionato vorrebbe abbracciare quel padre burbero, ma si vergogna e non lo fa.

Sarà proprio l’incidente in cui il padre perde la vita per aiutare la figlia Dora, a far crescere Bruno e a farlo diventare un uomo forte come aveva sempre sognato.

Il ragazzo e la tempesta
Antonio Ferrara
Rizzoli, 2019, p. 146, € 10,50

Puoi acquistarlo qui:

Classe 1972, mamma di due adolescenti, moglie, assistente personale del direttore di una casa editrice, segretaria di una scuola di musica, amante dei libri e della musica.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here