Pollyanna, Eleanor Hodgman Porter

La vide subito: una ragazzina esile, col vestito a quadrettini e due grosse trecce bionde che le scendevano sulle spalle. Il visino lentigginoso, sotto il cappello di paglia, scrutava di qua e di là, incerto, come di chi cerchi qualcuno.

La recensione di Pollyanna di Eleanor Hodgman Porter

Pollyanna è il romanzo più famoso di Eleanor Hodgman Porter e Gallucci lo ha da poco pubblicato in una nuova edizione con la traduzione di Paola Mazzarelli. Amo molto la scelta della casa editrice di ripubblicare i classici per ragazzi e mi auguro di cuore che i più giovani leggano e conoscano la storia di Pollyanna e di tutti gli altri meravigliosi protagonisti dei classici scelti.

Cosa può dirci Pollyanna di così interessante da meritare tante e diverse edizioni?

Pollyanna è un personaggio adorabile. Orfana di entrambi i genitori e cresciuta in una famiglia povera, il padre era un missionario che viveva di donazioni, Pollyanna impara presto a guardare il mondo positivamente. Questo non significa che sia una sciocca o che non conosca la realtà e le sue difficoltà, tutt’altro. Sa bene cosa siano le ristrettezze, la delusione, i desideri disattesi ma il gioco della contentezza, imparato da suo padre, le permette di trovare il lato positivo anche nelle cose più spiacevoli.

Quando Pollyanna si trasferisce da zia Polly non può immaginare quanto il suo arrivo cambierà la vita di tutti, compresa la sua e non può davvero sperare che il suo gioco diventi per molti importantissimo.

Pollyanna dimostrerà un grande spirito e una grandissima forza smuovendo sentimenti, rinforzando legami creduti spezzati per sempre e non scoraggiandosi mai nemmeno davanti alle prove più dure.

La mia opinione su Pollyanna di Eleanor Hodgman Porter

Ho letto Pollyanna durante un’afosa notte estiva, emozionandomi, ridendo e piangendo allo stesso tempo, completamente rapita da questa bambina che nell’arco di pochi mesi travolge e stravolge una zia impostata, l’intera cittadina e ogni singola persona incontrata per caso.

Può l’incontro con qualcuno cambiarci nel profondo?
La storia di Pollyanna dimostra di sì, che la vita può sempre riservare sorprese meravigliose anche nei momenti più bui e che accontentarsi, come diceva anche Terzani, è il segreto della vera felicità.

Pollyanna è una lettura che riconcilia con il mondo, che dona speranza, che ricuce ferite e che insegna a tutti, grandi e piccoli, l’immenso aiuto che possiamo darci l’un l’altro.
L’ottimismo di Pollyanna, il suo cercare sempre il lato positivo dovrebbero aiutarci e riflettere sulla nostra società tutta tesa ad ottenere nel minor tempo possibile ciò che bramiamo. È davvero questo ciò che ci renderà felici? Pollyanna probabilmente direbbe di no e forse anche noi dovremmo fermarci a riflettere seriamente sulla questione.
Buona lettura.

Pollyanna
Eleanor Hodgman Porter
Gallucci, 2021, p. 224, €. 12,50

Francesca, 44 anni, mi firmo come SIBY su Zebuk. Amo leggere e fin da piccola i libri sono stati miei compagni. Leggo di tutto: classici, manga, thriller, avventura. Unica eccezione Topolino; non me ne vogliate ma non l’ho mai trovato interessante.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here