Siamo tutti Capaci. Falcone e Borsellino trent’anni dopo, Rosario Esposito La Rossa

Ore 11:30. Maggio. Afa. Prime mosche. Si suda anche da fermi. Giardino di una scuola superiore.
I ventitre alunni della IV C sono in cerchio nel prato. Davanti a loro, un mucchio di pale. Il professor Mario Ruoppolo è al centro.
Prof, che facciamo?
Scavate.
I ragazzi, tra risatine e scetticismo, iniziano a scavare. I vestiti firmati si sporcano, le unghie si spezzano, il sudore imperla le fronti. Altri studenti
sbirciano dalle finestre. Il sole spacca le pietre e i primi fiatoni iniziano a farsi sentire.
Professore, va bene cosí? No, scavate ancora. Ma che dobbiamo trovare, il petrolio? Che schifo, un verme. Un altro poco e arriviamo al centro della Terra. Tanto non troviamo nessun tesoro. Prof, ma è una punizione? No, è un premio.

La recensione di Siamo tutti Capaci. Falcone e Borsellino trent’anni dopo di Rosario Esposito La Rossa

Fa caldo, tanto per essere maggio.
Il professor Ruppolo porta i suoi alunni, gli studenti della classe IV C, nel giardino della scuola e chiede loro di scavare un buco.
Tra incredulità e risatine i ragazzi iniziano a scavare.
Impiegano un’ora per fare un buco.
Una volta concluso, il professore spiega che con 500 kg di tritolo, la mafia ha impiegato un decimo di secondo a realizzare una buca che ha le stesse dimensioni. Era il 23 maggio 1992 e il professore si riferisce alla strage di Capaci, dove hanno perso la vita il giudice Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e tre poliziotti della scorta.

Grazie a questo espediente ha l’attenzione di tutti.
A 30 anni dalla strage, racconta le vicende di Falcone e Borsellino, grandi uomini che hanno cambiato la storia dell’Italia.

Siamo tutti Capaci. Falcone e Borsellino trent’anni dopo: Rosario Esposito La Rossa mantiene viva la memoria di Falcone e Borsellino

Rosario Esposito La Rossa scrive un libro per ragazzi (consigliato dai 12 anni in su) in cui, con un linguaggio diretto e chiaro, racconta la vita dei due magistrati.
Si vede che dietro c’è una profonda conoscenza dei due giudici.

Siamo tutti capaci vuole tenere viva la memoria di tutti coloro che hanno lottato per mantenere alti i valori di giustizia, onestà e integrità.

Un libro che dovrebbe essere d’obbligo a scuola.
Un libro coinvolgente, che si legge tutto d’un fiato.

L’autore: Rosario Esposito La Rossa

Rosario Esposito La Rossa nasce a Napoli nel 1988. È il primo libraio di Scampia e attualmente gestisce le case editrici Marotta&Cafiero e Coppola editore. Collabora con «la Repubblica» e «il Fatto Quotidiano». È stato nominato Cavaliere della Repubblica dal Presidente Mattarella per il lavoro che quotidianamente svolge con gli «Scugnizzi» del territorio di Scampia attraverso lo sport, la letteratura e il teatro. Ha fondato la Scugnizzeria, la casa degli scugnizzi, libreria dove centinaia di bambini passano pomeriggi e si formano attraverso corsi e attività ludiche. Per Einaudi Ragazzi ha scritto Eterni secondi – Perdere è un’avventura meravigliosa, Assenti – Senza giustificazione, Dietro il muro e Lucignolo – Storia di un bambino diventato burattino.

Siamo tutti Capaci. Falcone e Borsellino trent’anni dopo
Rosario Esposito La Rossa
Einaudi Ragazzi, 2021, 112 pag., € 11.90

Classe 1983 anni, romagnola, mamma di due splendidi bambini e di una stella nel cielo. Programmatrice, lettrice e multitasking (o almeno ci si prova!) Mi piace la lettura da sempre, ho voluto una libreria ampia e spaziosa nella casa nuova, che accogliesse tutti i miei libri. A natale, stufo dei libri accatastati ovunque, mio marito mi ha comprato un ereader. Ed è stata la fine…..

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here