BESTIARIO di intelligenza artificiale, Ammagamma.

Questi artifici intelligenti sono prodigi digitali,
spesso invisibili, che fanno parte del nostro mondo;
sono come abitanti della nostra casa allargata.

È del tutto naturale che Intelligenza
trovi il modo di farsi da loro accompagnare
per espandere i limiti della sua percezione.

La recensione di BESTIARIO di intelligenza artificiale, Ammagamma

Se mi domandassero di definire l’Intelligenza Artificiale non saprei da dove cominciare. Ovviamente a grandi linee so cosa si intende ma troverei difficoltà, come molti credo, a trovare le parole giuste.
Per fortuna Ammagamma, azienda che offe soluzione di Intelligenza Artificiale, ha avuto una grande idea e insieme a Franco Cosimo Panini che l’ha pubblicato, ha ideato un Bestiario. Direte giustamente voi: ma i Bestiari non erano quei tomi medioevali dove si disegnavano animali mostruosi reali e fittizi? Sì certo, ma Ammagamma ne ha creato uno dove l’Intelligenza Artificiale si racconta attraverso bestie immaginifiche, meravigliose, multitasking e capaci di far comprendere i concetti più astratti e complessi.
Il volume è accompagnato dalla Prefazione di Sabina Leonelli, filosofa della scienza e professoressa all’università di Exeter.

La mia opinione su BESTIARIO di intelligenza artificiale, Ammagamma

Divertente, colorato, ricco di informazioni e comprensibilissimo: ecco alla fine della lettura i primi aggettivi che mi vengono in mente. Che siate esperti o no questo Bestiario è pensato proprio per affascinare il lettore e interessarlo. Il volume è adatto a ragazzi ma anche adulti che vogliano capirne un po’ di più di IA.
Le illustrazioni di Francesca Fiocchi sono meravigliose e per niente scontate ma ricchissime di dettagli tutti utilissimi e infatti anche la più piccola scritta ha il suo perché.

L’idea alla base di questo Bestiario è davvero geniale perché rende semplice, chiaro e alla portata di tutti un argomento che rimane sconosciuto ai più.
Flamingo Anticipatore, Nibbio Logo Poietico, Basilisco Illustratore, Regina Pluri Arto sono solo alcune delle Bestie che conosceremo nel volume.
Ammagamma sceglie di raccontare usando l’ironia, la fantasia e l’arte per rendere tangibile un qualcosa che è visto ancora come elitario e difficile nell’immaginario collettivo.
E non posso che essere d’accordo con Fabio Ferrari, fondatore di Ammagamma, che nella Postfazione scrive, parlando delle creature nel Bestiario: Qualcuna ha le ali rosa, qualcun’altra ha una coda meccanica, un’altra ancora ha mille occhi attenti. Le abbiamo già fatte entrare nelle nostre case senza neanche accorgercene. Ora è tempo di riconoscerle, quando passano, e dar loro un nome. Fino ad addomesticarle.
Buona lettura.

E ora diamo un’occhiata al Bestiario di intelligenza artificiale

 

BESTIARIO di intelligenza artificiale
Ammagamma
Franco Cosimo Panini, 2022, p. 64, €22,00

Photo Credits e Video: ammagamma.com

Francesca, 44 anni, mi firmo come SIBY su Zebuk. Amo leggere e fin da piccola i libri sono stati miei compagni. Leggo di tutto: classici, manga, thriller, avventura. Unica eccezione Topolino; non me ne vogliate ma non l’ho mai trovato interessante.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here